Dedagroup si espande negli Usa acquisendo Epl

Dedagroup si espande negli Usa acquisendo Epl

L’operazione servirà alla società italiana per ampliare il bacino di clienti statunitensi in direzione delle Credit Unione e degli intermediari finanziari.

di: Redazione ImpresaCity del 20/03/2015 13:31

Enterprise Management
 
Proseguendo lungo la strada che già lo scorso anno aveva portato all’apertura di una filiale negli Usa, Dedagroup ha ora acquisito la quota di maggioranza (70%) di Epl, società americana specializzata in software e servizi per le Credit Unions. In questo modo, il gruppo italiano rafforza il proprio processo di internazionalizzazione, strutturato per esportare le competenze maturate in patria, in questo caso soprattutto nel campo del credito cooperativo. Nel recente passato, Dedagroup ha aperto diverse sedi nel mondo, per esempio in Francia, Medio Oriente e Messico.
Già con la creazione di Dedagroup North America, l’obiettivo era di raggiungere il consistente mercato delle Credit Unions americane, oltre 6.700 dislocate su tutto il territorio statunitense, che gestiscono oltre 100 milioni di conti correnti. Epl serve 85 clienti, facendo leva soprattutto sul prodotto i-Power, una suite completa che copre l’intera operatività di questa tipologia di istituti (dal front-end verso i clienti al back office). Un gruppo di sette Credit Unions già possedeva, di fatto, la società di software e ora resterà nella compagine con una quota di minoranza del 30%.
In linea con i propri progetti di crescita, Dedagroup consolida la capacità di supportare i clienti nel rinnovamento digitale, ora anche attraverso l’integrazione di i-Power nella soluzione proprietaria BankUp. Quest’ultima è costruita attorno a un motore contabile e di gestione dei rapporti completamente multidivisa, utilizzando anche un database unitario che mappa la clientela, le controparti e tutte le relazioni intercorrenti, con specifiche attenzioni riservate agli eventuali soci nel caso di cooperative. Grazie a ciò è possibile rispettare i principi e le strutture contabili richieste dalle consuetudini e dalle autorità di vigilanza di ciascun Paese.
BankUp sviluppa al suo interno i servizi tipici di una banca retail e commerciale e dispone di due aree aggiuntive, completamente integrate, rivolte al mondo del commercio estero e a quello della gestione di liquidità, titoli e derivati e del private banking. Con queste opzioni, il sistema può servire una banca universale e dispone di tutte le informazioni necessarie per un risk management integrale. I servizi di i-Power, permetteranno a BankUp di rispondere ai requisiti dell’operatività statunitense e, di fatto, ne estenderanno l’ambito di utilizzo all’intero mercato bancario americano. BankUp/i-Power verrà proposto da una struttura tecnica e consulenziale di 200 specialisti, che accompagneranno i clienti nel percorso di personalizzazione, di migrazione dei dati e di formazione che porta al pieno utilizzo del sistema. 
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota