Check Point ripulisce alla fonte i documenti dai malware

Check Point ripulisce alla fonte i documenti dai malware

La tecnologia Threat Extraction si propone di sopprimere in modo preventivo le possibili infezioni contenute nei documenti che arrivano in azienda.

di: Roberto Bonino del 16/03/2015 14:25

Enterprise Management
 
Threat Extraction si presenta come una tecnologia potenzialmente rivoluzionaria nella lotta contro la diffusione dei malware nelle aziende. Check Point, infatti, ha messo a punto una soluzione che agisce sui documenti potenzialmente infetti, ripulendoli prima che arrivino a destinazione.
Le minacce vengono sostanzialmente soppresse in modo preventivo, ricostruendo i documenti sulla base degli elementi sani verificati. I contenuti attivi, gli oggetti incorporati e altri contenuti sfruttabili vengono estratti simultaneamente e i documenti vengono poi ricostruiti privi delle potenziali minacce. Threat Extraction sarà resa disponibile all’interno di Ngtx, una soluzione di prevenzione dalle minacce di nuova generazione che verrà commercializzata a partire dal secondo trimestre di quest’anno.
Per capire meglio come si posiziona la tecnologia nel panorama complessivo delle soluzioni di sicurezza, ImpresaCity ha raccolto la testimonianza di Noam Green e David Gubiani, rispettivamente product manager worldwide e technical manager Italy di Check Point. 

Con Threat Extraction, affermate di offrire una protezione 100%. Poiché i malware continuano a evolvere e gli altri strumenti di prevenzione viaggiano su livelli noti fra il 93 e il 95%, come si check-point-david-gubiani.jpgpuò affermare di poter salire fino al 100%, senza paura di essere smentiti da qualche genio del cybercrime?

Abbiamo condotto in merito migliaia di test, che hanno indicato la capacità di raggiungere un’accuratezza del 100% nella rimozione del malware. Questo è un dato che vale oggi, ma non possiamo garantire che valga per sempre. Possiamo però assicurare che la nostra ricerca continuerà a operare per restare in vantaggiorispetto a ogni forma di cybercrime, per questa come per ogni altra tecnologia di protezione.

La prevenzione di Threat Extraction si estende anche al phishing e ai malware contenuti nelle pagine Web?

La soluzione si focalizza sui documenti e sui file Pdf come parte di un più ampio pacchetto di Threat Prevention, che protegge anche da phishing e altro malware. Il nuovo pacchetto, chiamato Ngtx, aggiunge Threat Extraction e Threat Emulation a una soluzione che ora comprende Ips, Anti Virus, Anti Bot, Application Control, Url Filtering, Anti Spam e le novità Threat Extraction e Threat Emulation (sotto forma di sandboxing).

Dove orienterete inizialmente la proposta sul mercato italiano?
Inizieremo a lavorare a stretto contatto con i nostri partner chiave, al fine di trovare insieme le opportunità migliori sul mercato. Essi saranno anche aiutati dalla nostra forza vendita per l’individuazione delle aree di mercato dove poter proporre al meglio la nostra nuova soluzione.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota