Le sfide gestionali delle imprese internazionalizzate

Le sfide gestionali delle imprese internazionalizzate

Molte medie aziende italiane hanno avviato progetti di espansione all’estero. Luisa Ferrari, Presales Manager di Formula, spiega quale supporto può arrivare dalla tecnologia.

di: RB del 18/07/2014 20:19

Enterprise Management
 
Nello scenario del tessuto industriale italiano, le imprese che negli ultimi anni hanno mostrato l’andamento migliore sono quelle che hanno avviato processi di internazionalizzazione, generalmente tramite acquisizioni, partnership o aperture di nuovi insediamenti. Diversi possono essere i motori dell’evoluzione, dalla ricerca di nuovi mercati e consumatori alle opportunità connesse allo sviluppo di distretti costruttivi che hanno delocalizzato la produzione (in campo automotive, per esempio).
Ciò che accomuna queste realtà è il necessario sviluppo della capacità di governo del cambiamento e di adattamento alle realtà locali, con le loro specificità culturali e normative. “In questa fase storica – spiega Luisa Ferrari, Presales Manager di Formula è quello di aziende che hanno già avviato una presenza all’estero, magari in modo tattico o destrutturato, e ora devono implementare un modello di gruppo, dapprima analizzando i processi e le interazioni fra le diverse società coinvolte, per poi individuare le regole che tutti devono seguire, ma anche adattarsi al contesto di ogni paese nel quale è attiva una presenza”.
fomula-sede.pngA complemento degli aspetti organizzativi, interviene la tecnologia, che va spesso ad agire inizialmente sul fronte gestionale: “L’Erp deve essere in grado di implementare il modello di gruppo – precisa Ferrari – ma poi saperlo declinare sulle peculiarità locali sia allineandosi alla normativa che omogeneizzando il flusso documentale e l’interscambio di merci fra i vari paesi”. Rispetto alla fase iniziale dei processi di espansione, insomma, siamo oggi nella fase di razionalizzazione gestionale, basata sulla creazione di regole comuni, che poi devono declinarsi sulle specifiche realtà locali. Gli applicativi da utilizzare, dunque, devono fornire un alto livello di automazione, per poter controllare le relazioni fra casa madre e operatori locali, in un unico flusso e senza creare repliche fra le diverse attività. 


La risposta di Sage Erp X3

Nel contesto appena descritto, si colloca la proposta di Sage Erp X3, per il quale Formula è partner di riferimento per la localizzazione e distribuzione sul territorio italiano: “Si tratta di un prodotto nativamente internazionale – conferma Ferrari – e accentra nella soluzione tutte le localizzazioni, che il produttore britannico ha certificato per ogni paese coinvolto. Laddove occorra integrare, per esempio, un nuovo paese, non occorre replicare tutto il sistema gestionale a livello locale, poiché elementi come il database o le anagrafiche o i processi di base sono gestiti centralmente”.
L’elevata standardizzazione del sistema ha un’incidenza diretta sui costi e sui tempi di implementazione, potendo fare appello alle localizzazioni già integrate nativamente per adattare il prodotto alla realtà di ogni paese coinvolto. L’interfaccia totalmente Web rende più semplice la navigazione e l’utilizzo del prodotto, oltre ad agevolare i processi di aggiornamento.
Formula è il partner di riferimento di Sage per la localizzazione sul mercato italiano: “Abbiamo gestito in questo ambito tutti gli aspetti tipicamente italiani – specifica Ferrari – non solo quelli legati alla fiscalità, ma tutto quanto, a livello normativo e amministrativo rappresenta un tipicità del nostro Paese, mettendo in campo il know-how maturato in tanti anni di presenza sul territorio e sviluppo tecnologico interno”. Per i clienti italiani, l’azienda svolge attività di consulenza e supporto all’implementazione del modello di gruppo, per poi lasciare ai partner presenti negli altri paesi il lavoro di localizzazione. Il vendor si occupa anche di realizzare il deployment per l’Italia di realtà con sede centrale all’estero.
Tra i casi più significativi es esemplificativi del lavor svolto fin qui da Formula, è possibile citare Adr, società manifatturiera italiana che produce componenti in ambito automotive. Il vendor ha fatto da capo-progetto per il processo di internazionalizzazione dei processi gestionali, prestando particolare attenzione a uniformare le problematiche di gruppo legate alla suply chain, dalla logistica alle scorte, dagli acquisti alla produzione. Per Sftrf, la società che gestisce il tunnel del Frejus sul versante francese, Formula ha invece partecipato come partner locale al progetto di internazionalizzazione partito dall’estero.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota