Cisco rivede l’offerta di unified communication per le Pmi

Cisco rivede l’offerta di unified communication per le Pmi

Uscirà progressivamente di scena la soluzione dedicata Uc500, per cui sarà possibile optare solo per la più “carrozzata” Be6000.

di: Redazione Impresa City del 21/03/2014 10:54

Enterprise Management
 
Fino a oggi, gli utenti delle piccole e medie aziende potevano scegliere fra due opzioni nell’offerta Cisco per la unified communication. L’iPbx integrato Uc500 era indirizzato soprattutto alla fascia di realtà comprese fra i 25 e i 50 utilizzatori, mentre la più “carrozzata” soluzione Be6000 abbracciava una fascia fra le 25 e le 200 postazioni. Questa doppia possibilità offriva un’alternativa anche ai partner, che potevano differenziare la proposizione in base alla tipologia di interlocutore.
Ora, invece, Cisco ha deciso di ritirare dal mercato Uc500, lasciando quindi una sola opzione di scelta per il mondo delle Pmi. Mentre la soluzione Be6000 resta adatta per una fascia soprattutto “media” di utenti, per dimensioni inferiori esiste comunque la possibilità di installare il software Cucm (Cisco Unified Communication Manager) Express su un router già presente o acwuistato ad hoc.
La razionalizzazione dell’offerta indica per Cisco la volontà di far alzare l’asticella della ricchezza funzionale per la propria clientela Pmi. La soluzione Be6000, in effetti, offre maggiori capacità in termini di instant messaging, presenza e video. E anche chi volesse limitarsi alle funzioni di telefonia, può beneficiare di un prodotto più evoluto rispetto a Uc500. Certo, è verosimile che anche l’investimento da effettuare sia un pochino più sostanzioso, anche se per valutare la cosa occorre prendere in considerazione anche le varie offerte pacchettizate esistenti e gli evntuali costi per i servizi.

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota