Le aziende italiane iniziano a comprendere Hana

Le aziende italiane iniziano a comprendere Hana

Le esperienze sul campo di Horsa, partner Sap con forti competenze sulla tecnologia in-memory di Sap.

di: Roberto Bonino del 18/12/2013 15:39

Enterprise Management
 
La tecnologia non sostituisce la comprensione degli eventi, ma semplifica i processi e aiuta a interpretare i dati e i risultati delle loro combinazioni. Nell’attuale contesto di mercato, caratterizzato, fra le altre cose, dalla necessità per le aziende di dover leggere, elaborare e interpretare una quantità crescente di informazioni, la possibilità di ottenere report rapidi e utilizzabili in tempo reale può costituire un vantaggio significativo.
Su queste basi, Sap ha di fatto costruito il proprio futuro, affidandolo a Hana, tecnologia database in-memory, che si prefigge di aiutare le aziende a prendere decisioni di business in maniera anche molto rapida, consentendo di agire sulla base delle informazioni acquisite e rese disponibili a brevissima distanza da un evento.
Ai partner dell’ecosistema Sap tocca il compito di portare sul mercato questi messaggi e convincere le aziende a compiere i passi evolutivi in modo corretto, salvaguardando quanto già implementato e comprendendo in quali ambiti (non necessariamente tutti) una tecnologia come Hana può effettivamente restituire risultati concreti e misurabili.
Horsa è un’azienda che ha sposato molto presto i principi dell’evoluzione in-memory dell’elaborazione dei dati e ha sviluppato internamente le competenze necessarie per calare la tecnologia sulle specifiche esigenze dei clienti. I primi risultati non hanno tardato ad arrivare e sono oggi a disposizione come riferimento per altre realtà che vogliano confrontarsi su problematiche similari per ambito merceologico o caratteristiche del proprio business. 

Analisi in tempo reale e maggiore capacità elaborativa

Sit La Precisa, azienda che sviluppa e produce sistemi per la sicurezza, il comfort e l’alto rendimento degli apparecchi a gas in ambiente domestico, ha di recente deciso di migrare sia il proprio Erp che la business intelligence su Hana, per migliorare non solo le proprie analisi e la produzione dei report, ma anche la pianificazione dei budget, la produzione, la gestione degli acquisti e del personale. Attraverso Sap BusinessObjects e Bpc (Business Planning and Consolidation) 10, l’azienda produce il bilancio consolidato di gestione. Il passaggio a Hana, in collegamento con RapidMarts e la tecnologia Etl, ha consentito di “passare numerose funzioni di calcolo dalla parte applicativa a quella del database, utilizzando algoritmi di ripartizione su moli di dati prima non utilizzabili”, ha spiegato Claudio Pastore, business analytics unit manager di Horsa.
unigr---sede.jpgDiversa origine, ma medesima soluzione per Unigrà, azienda che trasforma oli alimentari e margarina, vendendoli poi a realtà soprattutto del mondo dolciario. La materia prima, in questo caso, viene acquistata su specifiche borse e la necessità primaria diventa il monitoraggio dell’andamento dei prezzi, per poter deciderecome e cosa acquistare in funzione della clientela e delle loro prevedibile domanda. Per rispondere meglio ai cambiamenti di mercato, eliminare costi ed errori di pianificazione, Unigrà sta mettendo a punto il progetto Programma Prezzi, che vuole portare su Hana un flusso in realtà già esistente. La tecnologia Sap si innesterà per eseguire un calcolo dei prezzi più rapido e puntuale (due volte al giorno), in collegamento con il data warehouse e la business intelligence per le relative analisi. “In questo caso, Hana aggiunge capacità elaboratva ai processi esistenti, evidenziando quindi un’altra possibilità di utilizzo, sempre funzionale alle esigenze di business”, ha commentato Pastore.
Più legato alle caratteristiche intrinseche della tecnologia in-memory di Sap è il caso di Coop Consorzio Nord-Ovest, realtà che unisce le strutture cooperative di Lombardia, Liguria e Novacoop per centralizzare la logistica, il marketing dedicato e la gestione dei punti vendita. Si tratta di un’impresa piuttosto complessa, che occupa 11mila dipendenti, produce un fatturato intorno ai 3 miliardi di euro ed emette oltre 90 milioni di scontrini all’anno. L’evoluzione in direzione di funzionalità analitiche avanzate si è resa necessaria per avere maggior dettaglio di reporting e informazioni tempestive sul venduto e monitorare la validità di alcune campagne promozionali su orizzonte quotidiano. Il progetto si è innestato su una preesistente collaborazione fra Sap e Ibm e ha portato su Hana la business intelligence, partendo da Business Warehouse 7.3 e ospitata su appliance dedicate (sistemi xSeries sia per il test/sviluppo che per la produzione). “La migrazione è avvenuta in otto settimane – ha illustrato Gianni Margutti, Partner Ibm Divisione Consulenza – ed è stata applicata su 273 punti vendita per un totale di 12 milioni di record al giorno. Sull’appliance viene eseguita la compattazione per categorie e le analisi di controllo e gestione. Per Coop Consorzio Nord-Ovest, il beneficio primario sta nella tempestività delle informazioni, nella granularità, nella velocità di elaborazione dei report e nel supporto al business, che può intervenire in caso di rotture di stock o prevenzione delle perdite”.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota