Il ridisegno di Infor passa per la customer experience

Il ridisegno di Infor passa per la customer experience

Rinnovato l’Erp con la versione 10x e creato il percorso per la migrazione verso il cloud, ora l’azienda punta sulle verticalizzazioni e l’usabilità.

di: Roberto Bonino del 06/11/2013 14:05

Enterprise Management
 
Stando alle cifre presentate alla tappa italiana dell’Infor on the Road, il percorso di rinnovamento dell’azienda sembra procedere con successo. Oltre 3.000 nuovi clienti aggiunti nel 2013 e circa tre milioni di utenti già portati nel cloud sono un buon biglietto da visita per una realtà che deve comunque confrontarsi con grandi calibri come Sap, Oracle e Microsoft nel mercato Erp e continua a mantenere lo zoccolo duro dei propri clienti nel contesto tendenzialmente conservativo del manufacturing, oltre che della sanità e della Pubblica Amministrazione.
Il 2013 è l’anno che ha portato a compimento un progetto evolutivo durato un triennio e culminato con il lancio di Infor 10x, la piattaforma core, ridisegnata per accogliere innovazioni come l’interfaccia consumer-oriented basata su Html5, la piattaforma di social collaboration Ming.le, funzionalità analitiche integrate e un framework flessibile di integrazione.
infor-stephan-scholl-2.jpgPer agevolare il percorso evolutivo della propria clientela, Infor ha ora introdotto UpgradeX, una piattaforma di servizi pensata per guidare i processi di migrazione delle applicazioni verso il cloud. “I nostri competitor propongono arbitrariamente alcune delle loro soluzioni in modalità cloud e altre no – ha commentato Stephan Scholl, presidente della società -. UpgradeX, invece, permette agli utenti di far evolvere gli investimenti esistenti nei modi e nei tempi a loro più congeniali, per sfruttare le caratteristiche presenti solo nella nuova versione 10x”. In sostanza, la proposta indica la volontà del vendor di confermare un orientamento ormai totalmente cloud-oriented, ma senza allarmare troppo la base di clienti e garantendo comunque il supporto completo anche per chi vorrà continuare sulla strada on-premise. Inoltre, UpgradeX si presta a evoluzioni anche da soluzioni concorrenti e Infor sta già pensando a programmi ben definiti in questa direzione.
Altra novità di fresco annuncio è Dynamic Enterprise Performance Management (d/Epm), una piattaforma che si basa su applicazioni di gestione delle prestazioni e di business intelligenze per migliorare le prestazioni complessive dell’impresa. Il software integra le tecnologie Infor di business intelligence ed enterprise performance management, traendo l’alimentazione dei dati dalle applicazioni di gestione in tempo reale via Infor Ion e Business Vault: “Questa piattaforma – ha spiegato l’altro presidente della società, Duncan Angovepermette di indirizzare le necessità dei clienti in materia di gestione delle prestazioni di nuova generazione, integrando gli aspetti legati alla collaborazione, alla mobilità, al cloud e ai big data”. Le verticalizzazioni diventano standard
Al pacchetto di innovazioni, si aggiunge Rhythm, una piattaforma di e-commece in cloud, che propone interazioni personalizzate e promette di arricchire le relazioni con i clienti e ottimizzare i percorsi di trasformazione. Funzionalmente, essa integra opzioni di configurazione dei prodotti, raccomandazioni e integrazioni preconfigurate con il middleware Ion per la gestione di ordini, oltre a opzioni per la ricerca in linguaggio naturale, analisi predittive e altro ancora.
Una delle chiavi evolutive di Infor per il futuro è la spinta in direzione delle personalizzazioni “standardizzate” sui mercati verticali: “Il nostro approccio non è basato sulla proposta di soluzioni generiche, che poi richiedono ulteriori interventi per soddisfare le specificità  di determinate categorie di aziende – ha illustrato ancora Scholl -. Siamo in grado di proporre soluzioni già verticalizzate anche per aziende appartenenti a settori molto ben definiti”. La strada è stata già tracciata da qualche tempo e sarà rafforzata nel tempo a venire. Questo, fra l’altro, sta già aiutando il vendor ad ampliare il parco clienti, tradizionalmente radicato nel manufacturing discreto, ma già capace di trovare referenze significative in altri ambiti, come la sanità, l’hospitality, i trasporti o il retail.

Anche l’utenza italiana appare oggi più pronto ad accogliere le evoluzioni proposte da Infor. Almeno questa è l’opinione di Enza Fumarola, vicepresidente sales per il Sud Europa: “C’è una maggior consapevolezza delle opportunità connesse soprattutto alla migrazione verso il cloud, soprattutto quando parliamo dell’oggettivo alleggerimento nella gestione dei sistemi Erp e delle customizzazioni che ne costituiscono il naturale retaggio”.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota