AMF, l'alternativa all'SDN di Allied Telesis

AMF, l'alternativa all'SDN di Allied Telesis

la nostra soluzione, afferma Antonella Santoro, vp marketing dell'azienda, può arrivare a ridurre fino al 60% i costi relativi alla gestione della rete

di: Pm del 17/10/2013 16:15

Enterprise Management
 
Come ridurre i costi di gestione e la complessità della gestione delle reti enterprise? Considerando le evoluzioni avvenute nell’ultimo quinquennio la risposta più immediata potrebbe indicare la tecnologia SDN, il Software Defined Networking, come l’elemento abilitante.
SDN, l’architettura di networking basata sul protocollo open standard OpenFlow, consente un disaccoppiamento logico-fisico tra il data layer e il control layer. Mettere in esercizio un’architettura di questo tipo significa consentire una centralizzazione di tutte le attività amministrative che si devono compiere sugli apparati di rete, realizzare un ambiente flessibile e dinamico. Insomma, gestire le risorse del network nello stessa logica in cui vengono oggi gestite le risorse server e storage virtualizzate.
Il problema è che per passare a un’architettura SDN significa procedere a un rinnovamento di tutti gli apparati di rete in quanto devono essere di nuova generazione e basati su OpenFlow. Esistono possibili alternative? Antonella Santoro, vice presidente marketing Emea di Allied Telesis, nonostante concordi che la naturale evoluzione della rete seguirà il modello delineato da SDN, ritiene che quest’ultima sia una tecnologia che verrà adottata prevalentemente all’interno di grandi strutture di data center mentre in ambiente enterprise i tempi per una sua sostanziale adozione saranno più lunghi. Parliamo, dice Santoro, di cinque anni almeno.
Eppure, l’esigenza di una semplificazione della gestione della rete esiste ed è reale in in tutte le organizzazioni enterprise. Quale risposta dare? Allied Telesis propone una tecnologia che consente alle aziende di continuare a mantenere intatta l’architettura originaria salvaguardando investimenti pregressi o quanto meno riducendo i costi connessi alla realizzazione di un ambiente SDN.
“Il nostro Management Framework (AMF), afferma Santoro, può arrivare a ridurre fino al 60% la complessità e i costi relativi alla gestione della rete con un’evidente riduzione del Total Cost of Ownership”. Caratteristiche principali della nuova tecnologia sono la gestione centralizzata, l’auto-backup e l’aggiornamento automatico delle configurazioni, il provisioning automatico e l’autorecovery. “La manutenzione delle grandi rete aziendali – aggiunge Santoro - richiede un’ingente quantità di risorse e questo, dal nostro punto di vista, rappresenta una delle principali sfide del mercato in cui operiamo”.
Il passaggio a una tecnologia come AMF, i cui obiettivi replicano in sostanza quelli definiti in una logica SDN, costituiscono anche il presupposto per adattare le architetture a un modello di servizio cloud based, nel senso che mette in atto dei principi coerenti con il nuovo modello di computing che presto o tardi sarà adottato da gran parte delle aziende. Secondo Allied Telesis resilienza, scalabilità e semplicità di gestione, concetti che sono parte integrante di AMF, sono le funzionalità base di una rete cloud–ready. Qualunque sia la strategia adottata – afferma Santoro - non si può prescindere da una rete sempre funzionante.
Un’esperienza che è stata fatta propria dal Politecnico di Bari che ha scelto di reingegnerizzare l’intera infrastruttura di networking affdidandosi a una tecnologia come AMF. Un investimento – dice Gennaro Boggia, professore associato in telecomunicazioni del Politecnico - che ha permesso alla struttura universitaria di avere una rete scalabile, resiliente e disponibile 24 ore su 24. L’architettura oggi in esercizio permette di avere una gestione intelligente della rete in un’organizzazione tipicamente distribuita sul territorio. Il nostro, dice Boggia, è stato un investimento molto pragmatico, all’insegna del do more with less, fare di più con meno, alleggerendo i costi di gestione, configurazione e provisioning attraverso una logica centralizzata e automatizzata.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota