L’hardware che piace è convergente

L’hardware che piace è convergente

I sistemi che combinano server, storage e networking sono cresciuti del 50% in un anno, secondo Idc. Da rilevare qualche ambiguità sulla definizione.

di: Redazione Impresa City del 09/10/2013 11:40

Enterprise Management
 
Più o meno tutti i big dell’It ancora impegnati nella produzione di hardware hanno arricchito la propria offerta con sistemi convergenti, dove si combinano in un medesimo chassis server, unità storage e infrastruttura di rete. Secondo Idc, si tratta del segmento a maggior tasso di crescita, con un volume d’affari pari a 1,3 miliardi di dollari nel secondo trimestre 2013, che equivale al 50% in più rispetto a un anno prima.
L’analista precisa di aver presi in considerazione solo le soluzioni che integrano server, sistemi di storage su disco, infrastruttura di networking e il software di gestione relativo, ma poi produce distinzioni all’interno, che possono lasciare spazio ad ambiguità di interpretazione e condizionano l’analisi dello scenario prodotto. Vengono distinti, infatti, due segmenti, ovvero le soluzioni infrastrutturali integrate e i sistemi infrastrutturali integrati, creando già con questa nomenclatura una certa confusione.
In base ai criteri utilizzati, Idc pone al vertice del mercato Oracle e la propria gamma Exa, con una quota di mercato del 23,3% (in leggero calo rispetto al 2012). La casa di Larry Ellison domina, in particolare, il segmento delle soluzioni integrate, ovvero quelle che includono hardware e software preinstallati. Dietro, vengono dati in crescita i Flexpod di Netapp, con il 15,4% di quota e un aumento del 47,2 rispetto a un anno fa. Questi prodotti rappresentano circa un quarto del secondo segmento, che identifica i prodotti più verticalizzati, cioè studiati per specifici carichi di lavoro. Questi prodotti hanno beneficiato di una crescita dell’80% anno su anno.
L’analisi generale vede al terzo posto i Vblock di Emc, per poi rilevare come siano in forte aumento anche i cosiddetti sfidanti, che occupano tutti insieme una quota vicina al 50%. In questo lotto, sono però compresi prodotti come i PureSystems di Ibm, i sistemi Converged Infrastructure di Hp, l’architettura Vspex di Cisco/Emc e l’Active Infrastructure di Dell. Troppe cose, con varie distinzioni all’interno, che fanno pensare alla necessità di rivedere un po’ le classificazioni, per avere un quadro più realistico del comparto.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota