Emc si proietta nel futuro dello storage

Emc si proietta nel futuro dello storage

L’evento Speed2Lead di Milano è stato teatro di una messe di annunci, orientati soprattutto alle tecnologie flash, al software-defined storage e al cloud.

di: Roberto Bonino del 05/09/2013 09:47

Enterprise Management
 
Per una volta, l’Italia è stata teatro del lancio internazionale di un cospicuo insieme di novità per Emc. L’evento Speed2Lead ha raccolto a Milano numerosi clienti e partner del leader mondiale dello storage per fare il punto sugli attuali fronti di sviluppo e testare la qualità delle risposte che il vendor vuole offrire a una concorrenza mostratasi ultimamente più veloce nel cavalcare quelle che appaiono le nuove tendenze del comparto.

Vnx ottimizzati in tecnologia flash
Nel campo delle tecnologie flash, la novità saliente riguarda l’espansione in questa direzione della famiglia midrange Vnx, basata sulla tecnologia multicore Sandy Bridge di Intel. David Goulden, presidente e Coo di Emc, ha sottolineato come i nuovi sistemi consentano di implementare un numero di macchine virtuali di sei volte superiore rispetto alla precedente generazione, abbassando notevolmente il costo per singola Vm: “L’ottimizzazione della tecnologia flash moltiplica di quattro volte le prestazioni a un terzo del prezzo dei precedenti modelli Vnx – ha spiegato il manager -. Questo è in parte reso possibile dall’integrazione del software Mcx, che può essere utilizzato per velocizzare le applicazioni virtualizzate”.
Mcx sta per Multi-Core Optimisation e consente a Emc di proporre un sistema di storage unificato che trae vantaggio dalla tecnologia flash per combinare prestazioni e bassa latenza. La naturale evoluzione di questa proposta è una versione tutta flash dei sistemi Vnx, che prende il nome di Vnx-F, propone 600 Tb di capacità in Mlc e sarà integrata nell’architettura Vspex. Quest’ultima, annunciata nel 2012, consiste di tecnologia storage e di backup prodotta da Emc, combinata con elementi di virtualizzazione, server e di networking messi a disposizione da vendor come Cisco, Intel, VmWare, Brocade e Citrix. L’integrazione di Vnx consentirà ai sistemi di supportare fino a mille macchine virtuali. “La tecnologia flash costituisce un elemento di discontinuità rispetto al passato – ha commentato Rich Napolitano, presidente della divisione Unified Storage di Emc – e fornisce una risposta alle sfide poste dalla gestione dei big data, accanto alla tecnologia multi-core integrata nei nuovi Vnx. Il calo dei prezzi ha reso possibile proporla anche per una fascia di prodotti midrange”. La nuova gamma Vnx si declina in sei unità, con modelli denominati 5200, 4300, 5800, 7600 e 8000. Il costo di partenza si attesta sui 20mila dollari.
L’evento Speed2Lead è servito a Emc anche per ufficializzare la disponibilità generalizzata della tecnologia di software-defined storage ViPr a partire dal prossimo 27 settembre. ViPr offre alle aziende un portale self-service dov’è possibile controllare le risorse storage disponibili e rendere più efficiente il provisioning delle applicazioni e i relativi servizi. ViPr distingue il piano del controllo da quello dei dati e può amministrare le soluzioni storage di Emc, ma anche quelle di altri vendor. Jeremy Burton, executive vicepresident delle operazioni e del marketing di prodotto, ha evidenziato come la tecnologia sia indicata per la costruzione di data center di larga scala, riducendo la necessità di impiego di risorse umane.

Il cloud storage passa per Nile
Infine, la manifestazione milanese è stata teatro della presentazione del progetto Nile, una soluzione di elastic cloud storage, destinata a fornire accesso a un servizio in stile cloud pubblico, basata sulla tecnologia storage di Emc e ospitata nei data center dei clienti. Prima dell’implementazione gli utenti dovranno decidere se desiderano storage a blocchi, a file o a oggetti, avendo a disposizione anche la possibilità di configurare la tipologia di prestazioni, capacità e quantità di memoria che il sistema dovrà fornire. L’offerta sarà disponibile a partire dall’inizio del 2014 e porterà Emc a offrire una completa infrastruttura storage Web-scale per i data center.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota