Ibm si rafforza nella sicurezza con Trusteer

Ibm si rafforza nella sicurezza con Trusteer

La società acquisirà il fornitore di soluzioni per la prevenzione dei crimini informatici negli endpoint, che aiuta le organizzazioni a proteggersi da perdite finanziarie e violazioni dei dati.

di: Redazione ImpresaCity del 05/09/2013 10:00

Enterprise Management
 
Il paniere di offerta di Ibm si amplia con l’acquisizione di Trusteer, fornitore di software che aiuta le organizzazioni a proteggersi dalle frodi finanziarie e dalle minacce alla sicurezza. Per Ibm si tratta di un ulteriore passo avanti negli investimenti compiuti nel software e nei servizi forniti via cloud. I termini finanziari dell’accordo non sono stati resi noti.
In questo disegno rientra anche la costituzione di un laboratorio software per la cyber-sicurezza in Israele che raggrupperà più di 200 ricercatori e sviluppatori di Trusteer e Ibm per studiare la sicurezza dei dispositivi mobili e delle applicazioni, le minacce avanzate, il malware, la lotta alle frodi e ai reati finanziari.
Trusteer, con uffici a Boston e Tel Aviv, protegge i dalle minacce le applicazioni web, i computer di dipendenti e clienti e i dispositivi mobili di aziende e istituti finanziari. Il software Trusteer è in grado di identificare le minacce che sfuggono al software di sicurezza tradizionale. Ad esempio, per garantire che i clienti di una banca possano trasferire in sicurezza il denaro su un dispositivo mobile, il software Trusteer esegue il rilevamento di malware in grado di infettare uno smartphone, consentendo alla banca di adottare misure per impedire comportamenti fraudolenti e furti degli account prima che la transazione abbia luogo.
Tra le funzionalità che Trusteer apporterà al portafoglio di sicurezza di Ibm rientrano la Security-as-a-Service fornito attraverso il cloud e la protezione da frodi e Advanced Persistent Threat (Apt).
Le soluzioni di sicurezza di Trusteer fornite via cloud integreranno le oltre 100 soluzioni di Software-as-a-Service (SaaS) offerte da Ibm. Oltre alle soluzioni IT tradizionali, Trusteer punta sull’architettura SaaS per consentire ai PC, desktop, smartphone e tablet protetti di aggiornarsi rapidamente per sconfiggere le minacce emergenti.
Grazie alla sua scalabilità, inoltre, la protezione di Trusteer contro attacchi di cyber security può aiutare a proteggere decine di milioni di endpoint, inclusi smartphone e tablet. Uno dei bersagli principali degli attacchi di malware è costituito dagli endpoint dei consumatori. Il malware installato sul PC o sullo smartphone del cliente di una banca, ad esempio, può generare operazioni fraudolente. Inoltre, malware e phishing possono aiutare i cybercriminali a sottrarre credenziali e altri dati personali. Il malware finanziario e l’attività fraudolenta possono essere identificati ed eliminati grazie alle soluzioni Trusteer.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota