Le ambizioni di Talentia hanno radici in Italia

Le ambizioni di Talentia hanno radici in Italia

La società, nata dall'acquisizione di Cezanne Software da parte di Lefebvre, si è da poco presentata con un nuovo marchio e una strategia di espansione nella gestione delle risorse umane.

di: Roberto Bonino del 11/06/2013 11:32

Enterprise Management
 
Completata in febbraio l’acquisizione di Cezanne Software, Lefebvre Software si da poco ripresentata al mercato con il nuovo nome di Talentia Software: “Il brand nasce da un attento studio – spiega Marco Bossi, direttore generale della filiale italiana – e indica tanto la tradizione che le due aziende integrate hanno costruito negli anni quanto la direzione che intendiamo sviluppare per il futuro, ovvero diventare il punto di riferimento per la gestione delle performance finanziarie e delle risorse umane per i nostri clienti di ogni dimensione, integrando soluzioni, servizi e, perlappunto, talenti”.
talentia-bossi-103x131.jpgL’acquisizione di Cezanne Software è stata la quinta operazione di espansione che l’ormai ex-Lefebvre ha portato a termine in meno di sei mesi, ma rappresenta certamente quella di maggior peso, tanto da portare con sé un cambiamento significativo non solo nella tipologia di servizi offerti, con soluzioni per la gestione delle risorse umane e delle competenze complementari, ma anche un rafforzamento della presenza geografica, principalmente in Europa e, direttamente o meno, anche sul continente americano. “Era essenziale raggruppare sotto un unico brand internazionale l’insieme delle filiali e delle imprese associate – sottolinea Bossi -. L’Italia è certamente una delle aree di riferimento della nuova realtà, grazie alla presenza costruita nel tempo con le nostre soluzioni di Cpm e gestione del capitale umano, ma anche con quanto ereditato da Cezanne”.
Nonostante la congiuntura economica poco favorevole di questi anni, fra il 2008 e il 2012 il giro d’affari di Lefebvre è pressoché raddoppiato e ha raggiunto i 46,1 milioni di dollari lo scorso anno, con un aumento del 9,5% rispetto al 2011. Nello stesso periodo, gli utili prime delle impostee oneri vari sono cresciuti a ritmi anche superiori (30% in più lo scorso anno). Questa crescita ha origini tanto organiche quanto legate alle acquisizioni. Dopo l’ultima fusione, il numero di nuovi clienti è stimato a circa 600.
Le previsioni per l’anno in corso sono ugualmente positive: “Abbiamo in tutto circa 3.700 clienti a livello internazionale – specifica Bossi – e riteniamo di avere ampie possibilità di realizzare attività di cross-selling, che si aggiungono alle entrate ricorrenti. Alla fine di quest’anno, riteniamo di poter raggiungere un giro d’affari di circa 60 milioni di giro d’affari, grazie all’impegno degli oltre 400 dipendenti che operano in otto paesi”.
Talentia Software offre una gamma di soluzioni che spaziano dal controllo di gestione di tipo finanziario (bilancio consolidato civilistico e gestionale, pianificazione dei budget e relativa reportistica) al cosiddetto Human Capital Management (anagrafiche, incentivi, valutazione delle prestazioni), tema quest’ultimo al quale si è agganciata la parte più classica di gestione delle risorse umane acquisita con Cezanne. “Sappiamo di proporre un’offerta sulla carta simile a quella dei grandi nomi del gestionale – conclude Bossi – ma la differenza sta nella nostra specializzazione e competenza, elementi di fondamentale importanza per le aziende, che hanno necessità di potersi affidare a partner che parlano la stessa lingua e possono essere di supporto proattivo nella risoluzione dei problemi”.

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota