Ricoh, il consulente globale dell'IT

Ricoh, il consulente globale dell'IT

L'azienda da una parte conferma la leadership nei sistemi multifunzione e dall'altra punta a diventare un punto di riferimento nei servizi sia per quanto riguarda la gestione del printing, sia che si tratti dell'infrastruttura IT

di: F.M. del 06/06/2013 16:50

Enterprise Management
 
E' una Ricoh in gran spolvero quella presentata da Luca Tomelleri, Communication Manager di Ricoh Italia, che nei numeri può considerarsi soddisfatto, malgrado i tempi di crisi economica.
La filiale italiana ha chiuso l'anno fiscale 2012 a quota 326 milioni di euro, in crescita sul precedente anno  e può vantare delle leadership di tutto rispetto: prima nel mercato dei sistemi multifunzione con una market share del 27,1% (dati Infosource, febbraio 2013), posizione che le consente di doppiare il concorrente diretto: il tutto grazie a un'offerta prodotti che spazia dalle soluzioni monocromatiche (da 16 a 90 ppm) a quelle a colori, da 20 a 75 ppm.
A questo si aggiunge una griglia prodotti di tutto rispetto anche nel segmento delle stampanti con una gamma che spazia dalle printer monocromatiche (da 28 a 75 ppm) a quelle a colori (da 16 a 50 ppm). L'azienda non è però solamente printer è attiva anche nel segmento soluzioni per videoconferenze e di proiezione con un innovativo videoproiettore verticale, unico nel suo genere, e può dire la sua anche nel segmento Digital Press con diverse opzioni. Senza dimenticare la recente acquisizione di un marchio storico come Pentax nell'ambito della fotografia digitale.
ricoh-foto1.jpgMa Ricoh è anche capacità di servire i propri clienti in modo efficace grazie a un mix “calibrato” dei canali di vendita tra quella indiretta e diretta dove – in questo secondo caso – può mettere sulla bilancia 9 filiali e 30 agenzie provinciali mentre nella “versione” indiretta può contare su un mix di 700 partner, tra cui 99 di primo livello – ovvero capaci di realizzare implementazioni di alto valore tecnologico e commerciale - e 53 tra Var e System Integrator.
Un mix di offerta che consente a Ricoh Italia - nella modalità indiretta - di contabilizzare il 45% del fatturato totale dell’azienda e il 65% in termini di unità vendute e - nella modalità “diretta” - mettere a disposizione del proprio cliente un'assistenza post vendita gestita da 360 tecnici e sistemisti Ricoh Italia e un servizio di Help Desk gestito da 25 specialisti dipendenti Ricoh.
Questo si traduce nella risoluzione del problema già in remoto per il 25% dei casi, con risoluzione tecnica al primo intervento nell'89% dei casi, a cui si aggiunge un servizio innovativo definito “car stock & nightly delivery service” che permette a Ricoh di consegnare al proprio cliente (su tutto il territorio italiano) i pezzi di ricambio in tempi rapidissimi.
Ma oltre a questo Ricoh è anche in grado di offrire al proprio cliente un monitoraggio puntuale dei livelli di servizio attraverso la KPI Customer Survey che, effettuata mensilmente, misura la bontà dei servizi erogati al cliente. Come dire: “la soddisfazione del cliente al primo posto”.
E come precisa Tomelleri “Ricoh è questa ma anche molto altro”. Quest'altro si identifica nella capacità dell'azienda di fornire servizi, da quelli più legati al proprio Dna del printing a quello che può identificare Ricoh come un solution provider di altissimo livello capace non solo di costruire eccellenza nel mondo del printing ma anche quello di proporsi come “attore” di servizi in grado di gestire una domanda di IT complessa ed estesa.

Tag notizia:

Sommario:

Pagina successiva >>>

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota