Assolombarda e CdC di Milano siglano il primo protocollo digitale d’Italia

Assolombarda e CdC di Milano siglano il primo protocollo digitale d’Italia

Lo condividono le associazioni d’impresa del territorio: Confcommercio Milano, Assimpredil Ance, Unione Artigiani, APA Confartigianato Imprese, Coldiretti Milano, CDO Milano, Confservizi Cispel Lombardia, Confindustria Alto Milanese.

di: Redazione ImpresaCity del 17/03/2017 12:00

Economia
 
Assolombarda e Camera di commercio di Milano sono i pionieri del primo protocollo digitale d’Italia che ha per oggetto la diffusione della cultura digitale e l’utilizzo di servizi e strumenti informatici da parte delle imprese e della Pubblica Amministrazione (PA).
Per i promotori, l’accordo è stato sottoscritto da Elena Vasco, Segretario Generale della Camera di commercio di Milano, e Michele Angelo Verna, Direttore Generale di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza.
Il protocollo resta, però, aperto alle associazioni delle imprese del territorio milanese che vorranno aderire e per farlo sarà sufficiente la firma telematica. Tra i partecipanti figurano già: Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio Milano; Marco Dettori, presidente di Assimpredil Ance; Stefano Fugazza, presidente dell'Unione Artigiani di Milano e provincia; Giovanni Barzaghi, presidente APA Confartigianato Imprese, Coldiretti Milano, CDO Milano; Giovanni Bordoni, presidente di Confservizi Cispel Lombardia; Giuseppe Scarpa, presidente di Confindustria Alto Milanese.
Attraverso il protocollo, i firmatari e gli aderenti si impegnano a diffondere presso le imprese le piattaforme di servizi digitali, siti dedicati per semplificare la comunicazione e la fruizione di servizi della PA riducendo i tempi di risposta; realizzare eventi informativi e divulgativi finalizzati a uno sviluppo delle competenze digitali; realizzare seminari formativi sui servizi e strumenti digitali offerti dalla Camera di Commercio di Milano tra cui Firma Digitale, Fatturazione Elettronica, SUAP; semplificare la modalità di accesso ai servizi pubblici per esempio attraverso il sistema SPID, che permette di accedere a tutti i servizi online della PA con un’unica identità digitale (utilizzabile da computer, tablet e smartphone).
Nel 2016 a Milano sono state 21mila le pratiche telematiche evase dalle imprese con un ingente risparmio di tempo e costi e nel 2017 oltre duecento aziende hanno richiesto l’identità digitale per interagire con la PA. Oggi infatti le imprese, i professionisti e i cittadini hanno a disposizione un unico interlocutore: lo Sportello Unico delle attività produttive che, totalmente digitalizzato, consente la presentazione telematica delle proprie istanze alla PA.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota