Italia Startup Hub: online il portale per favorire la permanenza in Italia di innovatori non Ue

Italia Startup Hub: online il portale per favorire la permanenza in Italia di innovatori non Ue

Italia Startup Hub ha come obiettivo quello di favorire nel nostro Paese la permanenza di coloro che già vi si trovano, ma per motivi diversi dall’attività imprenditoriale.

di: Redazione ImpresaCity del 26/04/2016 11:23

Economia
 
La famiglia dei siti web istituzionali del Ministero dello Sviluppo Economico si arricchisce di un nuovo componente: il portale dedicato al programma Italia Startup Hub (italiastartuphub.mise.gov.it).
Lanciato a fine 2014, sul modello del già esistente Italia Startup Visa, il programma Italia Startup Hub introduce una notevole semplificazione per i cittadini non Ue che desiderano avviare una startup innovativa nel nostro Paese.
Se Italia Startup Visa si rivolge a chi si trova nel Paese d’origine e desidera ottenere un visto per lavoro autonomo startup per l’Italia, Italia Startup Hub mira a favorire nel nostro Paese la permanenza di coloro che già vi si trovano, ma per ragioni diverse dall’attività imprenditoriale. Ad esempio, uno studente non Ue che sta ultimando il suo corso in Italia e desidera estendere la propria permanenza per avviare una startup innovativa, potrà ottenere, nel caso in cui la sua proposta di business venga valutata favorevolmente dal Comitato di esperti coordinato dal MISE, l’autorizzazione a convertire il suo permesso di soggiorno in uno nuovo per “lavoro autonomo in startup” in tempi brevissimi (non più di 20 giorni dalla richiesta) e senza dover tornare nel Paese d’origine per ottenere un nuovo visto d’ingresso. Una volta costituita, la sua impresa godrà delle agevolazioni previste dalla policy sulle startup innovative.         
Dato il particolare pubblico a cui tali politiche si rivolgono, i portali dedicati ai programmi ISV e ISH costituiscono un esperimento pionieristico nell’ambito della comunicazione istituzionale italiana. I siti sono interamente redatti in lingua inglese, con un forte accento su leggibilità e facilità di consultazione, e hanno inoltre l’obiettivo di presentare ai potenziali imprenditori innovativi non Ue l’ecosistema startup italiano – ad esempio, grazie ad una mappa dell’ecosistema in cui è possibile visualizzare la localizzazione geografica delle oltre 5.500 startup innovative registrate.
Tutti i documenti necessari a fare domanda sono scaricabili dal sito: la domanda stessa viene presentata tramite email ordinaria, rispettivamente agli indirizziitaliastartupvisa@mise.gov.it (ISV) e italiastartuphub@mise.gov.it (ISH).
Per l’occasione, anche il sito di Italia Startup Visa (italiastartupvisa.mise.gov.it) ha ricevuto un corposo aggiornamento grafico.
Chi è interessato a informazioni specifiche sulle policy può contattare la segreteria del Comitato Italia Startup Visa&Hub all’indirizzo email info.italiastartupvisa@mise.gov.it, o telefonare al numero +39 0647052503.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota