Studi di settore, in pista anche le specifiche tecniche

Studi di settore, in pista anche le specifiche tecniche

Un provvedimento del direttore dell’Agenzia le approva con quattro mesi di anticipo rispetto allo scorso anno, quando furono ufficializzate in giugno.

di: Redazione ImpresaCity del 17/02/2016 09:50

Economia
 
E’ stato firmato il provvedimento di approvazione e sono in corso di pubblicazione sul sito internet dell’Agenzia le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore e dei parametri relativi al 2015.
Come già accaduto per i modelli definitivi, pubblicati il 29 gennaio in sincronia con la pubblicazione di Unico 2016, le Entrate giocano d’anticipo per agevolare i contribuenti negli adempimenti fiscali. Con il provvedimento di vengono inoltre approvati i controlli tra Unico 2016 e Gerico.

Volata finale per gli studi - Con il provvedimento di oggi, le Entrate approvano le specifiche tecniche (contenute nell’allegato 1) cui devono attenersi i soggetti che effettuano la trasmissione telematica dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore, da dichiarare con il modello Unico 2016 entro il prossimo 30 settembre. In veste definitiva anche le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati rilevanti per l’applicazione dei parametri (allegato 2 per gli esercenti arti e professioni; allegato 3 per gli esercenti attività d’impresa) e dei controlli di coerenza tra le informazioni dichiarate nel modello studi di settore e quelle dichiarate in Unico 2016 (allegato 4).
Con il provvedimento firmato, che segue a distanza di due settimane quello di approvazione della modulistica definitiva, parte integrante di Unico 2016, si amplia dunque ulteriormente il kit a disposizione dei contribuenti. Da fine gennaio sono inoltre a disposizione le statistiche dei dati degli studi di settore dichiarati dai contribuenti per gli anni 2011-2014, per mettere i contribuenti nelle condizioni di avere un quadro sempre più completo della propria posizione fiscale e aiutarli, anche grazie alla condivisione di dati “a monte”, ad adempiere correttamente o a mettersi in regola per tempo, con sanzioni ridotte.

Modalità di trasmissione - La trasmissione dei dati all’Agenzia può essere effettuata direttamente, attraverso il servizio telematico Entratel o Internet (Fisconline) o tramite intermediari abilitati. Fino allo scorso anno le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione dei parametri erano approvate insieme alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti in Unico Pf. Quest’anno l’Agenzia ha invece ritenuto opportuno approvare queste specifiche insieme a quelle relative agli studi, considerato che i dati trasmessi con i modelli degli studi e dei parametri assolvono alle stesse finalità di consentire l’applicazione dei rispettivi strumenti di controllo e di accertamento. Eventuali modifiche che dovessero rendersi necessarie saranno pubblicate nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota