Sanzione Antitrust per 28 milioni di euro a Telecom Italia e altre sei società

Sanzione Antitrust per 28 milioni di euro a Telecom Italia e altre sei società

Da parte sua Telecom Italia ha annunciato ricorso al TAR del Lazio "per dimostrare l’inesistenza dei profili anticoncorrenziali ipotizzati nei suoi confronti".

di: Redazione ImpresaCity del 29/12/2015 10:48

Economia
 
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato una sanzione complessiva di 28 milioni di euro, per un’intesa restrittiva della concorrenza in violazione dell’articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, a carico di sette società: Alpitel, Ceit Impianti, Sielte, Sirti, Site, Valtellina e Telecom Italia.
L’accordo ha riguardato il coordinamento, tra il 5 luglio 2012 e l’1 febbraio 2013, delle offerte economiche e di altre condizioni contrattuali nelle procedure per la selezione dei fornitori predisposte dalle società Wind e Fastweb; nonché quello sulle informazioni relative all’erogazione dei servizi di manutenzione correttiva (cosiddettaassurance).
Questa attività viene effettuata per ripristinare il servizio in caso di guasti segnalati dai clienti finali o per malfunzionamenti della rete, a cui Telecom consente di accedere agli operatori telefonici alternativi (OLO).
A giudizio dell’Antitrust, le condotte lesive della concorrenza consistono nella determinazione coordinata delle condizioni economiche contrattuali e delle informazioni trasmesse al regolatore, con l’obiettivo di limitare il confronto competitivo e prevenire l’evoluzione delle forme di erogazione disaggregata dei servizi tecnici accessori. Questo avveniva in un periodo di evoluzione delle modalità di erogazione dei servizi di manutenzione correttiva che avrebbero potuto determinare una maggiore disintermediazione del servizio.
In particolare, l’istruttoria ha permesso di accertare l’esistenza di incontri e contatti tra le imprese sanzionate, volti a concordare le offerte economiche da presentare a Wind Telecomunicazioni e Fastweb per il servizio disaggregato di manutenzione correttiva end-to-end e, in generale, a condividere un piano di comunicazione univoca relativo alle condizioni di erogazione del servizio. Secondo l’Agcm, inoltre, le condotte esaminate erano idonee ad alterare gli incentivi degli OLO e degli stakeholder, pregiudicando la concorrenzialità del mercato.
Da parte sua Telecom Italia ha affermato in una nota di prendere atto della sanzione comunicata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato relativa al procedimento sui servizi della manutenzione correttiva della rete, quelli cioè legati al ripristino della funzionalità del servizio a seguito della segnalazione di un cliente finale.
"L’azienda, nella convinzione di aver agito in maniera assolutamente legittima, ritiene la decisione non condivisibile in quanto i comportamenti ascritti a Telecom Italia non avevano né finalità né effetti anticoncorrenziali. La Società presenterà pertanto ricorso al TAR del Lazio per dimostrare l’inesistenza dei profili anticoncorrenziali ipotizzati nei suoi confronti.Telecom Italia ribadisce la propria volontà di continuare a garantire agli OLO un sempre migliore accesso a tutte le informazioni tecniche e procedurali relative ai propri fornitori esterni coinvolti nell’erogazione dei servizi di manutenzione della rete, facendo seguito anche al percorso intrapreso con l’Autorità di settore nella definizione di un nuovo quadro regolamentare ancora più trasparente nei rapporti con gli altri operatori e volto al rafforzamento dei processi di equivalence".
Tag notizia:

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota