Fisco: più operazioni ma una sola dichiarazione d’intento in dogana

Fisco: più operazioni ma una sola dichiarazione d’intento in dogana

Banca dati condivisa e nuova procedura telematica snelliscono controlli e adempimenti.

di: Redazione ImpresaCity del 17/04/2015 09:37

Economia
 
Una sola dichiarazione d’intento presentata in dogana per più operazioni. La lettera con cui gli esportatori abituali manifestano la volontà di effettuare acquisti o importazioni di beni senza applicazione dell’Iva potrà essere trasmessa alle Dogane per una serie di operazioni nel periodo di riferimento o, in alternativa, per ogni singola operazione e con la specifica dell’importo.
Lo chiarisce la risoluzione 38/E dell’Agenzia delle Entrate, che spiega come con l’entrata in vigore della nuova procedura di trasmissione telematica delle dichiarazioni d’intento, prevista dal Decreto Semplificazioni - Dlgs n. 175/2014 - e con la condivisione della banca dati contenente le lettere d’intento inviate alle Entrate, ora nella disponibilità dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, vengono meno i motivi che fino ad oggi avevano impedito che, analogamente a quanto previsto per gli acquisti di beni e servizi da fornitori/prestatori nazionali, una dichiarazione d’intento possa riguardare anche diverse operazioni doganali d’importazione. Naturalmente, a condizione che le suddette operazioni non superino un determinato ammontare da utilizzarsi nell’anno di riferimento.
Dunque, prosegue la risoluzione, è da ritenersi superato l’orientamento assunto dall’Amministrazione finanziaria in passato e riportato nelle istruzioni del nuovo modello predisposto per la compilazione delle dichiarazioni d’intento, in cui si precisava che “nel caso di importazioni di beni la dichiarazione d’intento deve essere presentata in dogana per ogni singola operazione specificando il relativo importo”. Ne deriva quindi che per le operazioni di importazione l’operatore potrà compilare il campo 1 o, in alternativa, il campo 2 del modello di dichiarazione d’intento, in quest’ultimo caso inserendo l’importo corrispondente all’ammontare della quota del proprio plafond Iva che presume di utilizzare all’importazione nel periodo di riferimento.

Il modello aggiornato, con le istruzioni e le relative specifiche tecniche, sarà reso disponibile, nei prossimi giorni, sul sito dell’Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it).
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota