Duc, associazioni e consumatori insieme nel "Patto per Expo"

Duc, associazioni e consumatori insieme nel

Pisapia e Sangalli: “L’Esposizione sarà un appuntamento etico e attento ai bisogni dei visitatori”.

di: Redazione ImpresaCity del 02/02/2015 09:20

Economia
 
"Un’Expo all’insegna dell’etica del lavoro, dell’impresa e della valorizzazione del Made in Italy,  propone servizi di qualità e prezzi chiari per i turisti e i visitatori che arriveranno a Milano per l’Esposizione Universale". Questi alcuni degli obbiettivi del ‘Patto per Expo’, il documento presentato dal Sindaco Giuliano Pisapia con i rappresentanti delle principali Associazioni di categoria, dei Distretti Urbani del Commercio e di 17 Associazioni dei Consumatori. Un patto che rientra nelle più ampia strategia di accoglienza promossa dall’Amministrazione nel quadro del programma di Expo in Città.
“Expo è una grande occasione per tutti, per il territorio, per i cittadini, per i visitatori e per chi dà servizi. Mettere insieme le forze e le eccellenze di tutti i sottoscrittori è il risultato di un percorso comune verso un unico obiettivo: la buona riuscita dell'Esposizione universale. Il Sistema Milano che vede in questo caso il coinvolgimento di istituzioni, associazioni di categoria del mondo del commercio e dei consumatori dimostra la capacità di saper valorizzare l'offerta della città. Grazie alla collaborazione di tutti Milano è già pronta a presentarsi al mondo come  una città internazionale, aperta, accogliente, vivace e ambiziosa”, ha affermato il Sindaco Giuliano Pisapia.
"Con il Patto per Expo, che si affianca a Expo in Città, il mondo delle imprese milanesi fa un passo in avanti per migliorare l’accoglienza in vista dell'Esposizione Universale - ha dichiarato il Presidente di Camera di commercio Milano, Carlo Sangalli – I nostri esercizi commerciali, bar, ristoranti, alberghi, artigiani, potranno diventare, così, punti informativi dell’evento, impegnandosi, ad esempio, alla conoscenza di base dell’inglese, alle aperture festive, alla trasparenza dei prezzi e alla cultura della cortesia. Questo Patto fa parte della ‘eredità di Expo’, perché l’immagine che lasceremo ai visitatori è il nostro migliore investimento per il futuro di Milano e del Paese".
I contenuti proposti dal “Patto per Expo” si pongono come valido strumento di marketing volto alla valorizzazione dell’immagine e al riposizionamento a livello internazionale della Città Metropolitana di Milano. Il documento impegna i soggetti sottoscrittori a garantire e monitorare la qualità dei servizi erogati nei vari ambiti: dall’accoglienza alla somministrazione di cibi e bevande, passando dalla vendita al dettaglio alla grande distribuzione sino alle attività artigianali, il tutto nel rispetto delle culture e delle diverse etnie dei visitatori.
L’impegno si allarga anche alla promozione, sia dell’evento Expo Milano 2015 che della città, dalla sua offerta culturale al suo patrimonio artistico e gastronomico nonché artigianale. Una valorizzazione che passa attraverso l’attenzione al visitatore espressa con servizi di qualità, distribuzione di materiale informativo multilingue, oltre a sconti e promozioni riservate a chi sarà in città durante e dopo il periodo di Expo 2015.
Il Patto per Expo vede coinvolte tutte le 17 Associazioni dei consumatori presenti sul territorio della Città metropolitana al fine di realizzare una serie attività ed eventi educativi per una visita consapevole dell’Esposizione Universale, nonché guide informative particolarmente attente alle esigenze dei visitatori stranieri, orientandoli nella ricerca di alloggi, nell’utilizzo del trasporto pubblico e dei servizi di mobilità, sino agli acquisti e la gestione di emergenze.
Importante sarà il contributo del monitoraggio costante sul livello qualitativo dei servizi di accoglienza e degli hotel della città anche attraverso la realizzazione di una App finalizzata a raccogliere opinioni e giudizi dei visitatori.
Per il successo del “Patto per Expo” fondamentale sarà l’apporto dei 13 DUC (Distretti Urbani del Commercio) presenti in città poiché rappresentano veri e propri incubatori delle eccellenze territoriali e urbane a livello locale. Il loro compito sarà quello di proporre eventi e manifestazioni capaci di esaltare le peculiarità di ogni singolo distretto, dal design del DUC Brera all’accoglienza del DUC Galleria, passando per l’offerta di intrattenimento e vita notturna del DUC Navigli, sino alle opportunità di shopping dei DUC Buenos Aires e Vercelli-De Angeli. Il DUC Isola punterà sulla valorizzazione della produzione artigianale, mentre il DUC Giambellino valorizzerà il rapporto tra la città e la sua campagna con percorsi alla scoperta delle cascine e dei loro sapori.
Il Comune di Milano, oltre a garantire il rispetto dei contenuti del Patto sottoscritto, sarà promotore di una campagna di comunicazione per la diffusione delle iniziative promosse dai singoli aderenti al Patto, e incentiverà l’uso di vetrofanie, piattaforme informatiche e totem informativi che agevolino i visitatori nella scoperta della città e della sua offerta.
Il Comune, infine, sarà impegnato nel contrasto alla microcriminalità, contraffazione e abusivismo per salvaguardare i visitatori garantendo loro servizi e acquisti certificati che rappresentano la migliore espressione del Made in Milano e del Made in Italy.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota