* Alibaba, perché sì e perché no

* Alibaba, perché sì e perché no

L'opinione Stefan Schmidt, vice president product strategy di Hybris, partner di Sap, sui rischi associati all'e-commerce di Alibaba

di: * Stefan Schmidt del 25/09/2014 15:28

Economia
 
* Intervento a cura di Stefan Schmidt, vice president product strategy di Hybris

In uno dei più chiacchierati IPO degli ultimi anni, questo mese il gigante dell'e-commerce Alibaba è stato quotato al New York Stock Exchange. E' stato il passo logico di un viaggio durato quindici anni che ha visto crescere la società con sede a Hangzhou fino a diventare il più grande retailer online del mondo - più grande anche di Amazon.
Per i retailer occidentali, Alibaba e' una vera manna. Gli analisti  stimano che nei prossimi 10 anni circa 500 milioni di cinesi faranno parte della classe media, quindi la piattaforma di e-commerce rappresenta un modo sicuro e certo per stabilire una presenza stabile nel paese e per vendere prodotti e servizi in questo mercato consumer in rapida espansione.
Secondo la società di consulenza KPMG, i cinesi sono il popolo con la maggior propensione allo shopping online al mondo .
Ma, l'e-commerce in Cina ha delle caratteristiche e dei requisiti particolari rispetto ad altri mercati. Per esempio, i consumatori cinesi in genere preferiscono pagare dopo aver ricevuto i prodotti ordinati invece che in anticipo, il che aggiunge complessità alla fatturazione ed alle transazioni. Inoltre, i caratteri di scrittura cinesi anche se semplificati, sono molto difficili da integrare sulle piattaforme web. Questi i motivi per cui molti retailer guardano ad Alibaba come la soluzione a questi problemi; una soluzione pronta all'uso che aggira le problematiche del mercato cinese.
Nonostante i chiari benefici, Alibaba  presenta dei rischi per gli e-retailer che vogliono accrescere le loro quote di mercato in Cina, in particolare per quelli che hanno un proprio posizionamento ed un brand riconosciuto internazionalmente.
Per esempio, se un'azienda volesse aprire uno shop online su Tmall - la piattaforma più conosciuta di Alibaba per il mercato consumer - le possibilità  di personalizzazione sono estremamente limitate.
Gli e-retailer che contano su una brand identity forte e riconosciuta per spingere le vendite  – fashion, lusso, food and drink – spesso si lamentano del fatto che Alibaba restringe le possibilità di creare quell'esperienza online che riesce a sorprendere e dilettare i clienti allo stesso modo di un sito web dedicato.
La crescita dello shopping su dispositivi mobili - smartphone, tablet, phablet – ha acuito ulteriormente questa situazione.
La Cina e' il più grande mercato del mondo per gli smartphone, ed i suoi clienti hanno speso nel 2013 oltre $27 miliardi di dollari in acquisti fatti con dispositivi mobili. Se un retailer si affida a Tmall, autorizza Alibaba a gestire la relazione mobile con i propri clienti. In pratica perde il controllo dei dati fondamentali dei clienti, la propria "brand identity experience" costruita accuratamente e l'opportunità di gestire direttamente ed influenzare i clienti nelle loro scelte d'acquisto.L'aumento dello shopping multi-canale e' alla base della crescita esplosiva delle soluzioni di commercio multi-canale. Queste sono piattaforme che consentono al consumatore di navigare senza problemi tra i diversi canali mobile, in-store, website, social media, contact centre, assicurandogli che l'esperienza che il retailer ha pianificato  – in termini di prezzo, look-and-feel, e contenuto – sia consistente, contestuale e rilevante.Importanti brand sono cresciuti in Cina grazie ad una propria strategia multi-canale mirata e ad essersi affidati alla forte presenza di Alibaba.
La gestione del prodotto e dell'inventario e' anch'essa una componente importante di una solida strategia di commercio multi-canale.
Per i retailer con più  siti in differenti lingue e diversi mercati, la possibilità di aggiornare le informazioni di prodotto una sola volta e su tutti i canali, ovunque, e' un grande punto di forza.Alcune piattaforme - come hybris - offrono l'integrazione con Alibaba, per cui lo stato del prodotto e l'inventario sono sincronizzati automaticamente e aggiornati su Tmall in tempo reale.Alibaba e' fondamentale per qualsiasi retailer occidentale in Cina. E' il modo principale per attrarre il consumatore cinese e guidare la crescita. I retailer devono, pero', stare attenti a non metter tutte le proprie risorse su Alibaba. Una strategia di commercio multi-canale che aiuti a gestire più canali distributivi proprietari nel paese – web, mobile, contact centre, social media, lo stesso Tmall – e' l'alternativa migliore, per consentire al retailer di costruire una relazione proficua con la propria audience e a mantenere la  brand identity.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota