In Italia un imprenditore su quattro arriva da un’altra provincia

In Italia un imprenditore su quattro arriva da un’altra provincia

Al Sud le province più “autoctone”. Tra gli imprenditori nati a Crotone uno su due emigra. Scarsa la mobilità a Bolzano e a Trento.

di: Redazione ImpresaCity del 13/01/2014 18:05

Economia
 
In media in Italia oltre 1 persona coinvolta in una carica di impresa su 4 (il 27,7%, dato stabile rispetto al 28,8% del 2011) è originario di una altra provincia rispetto a dove è nato. Una percentuale che raggiunge il suo massimo a Crotone, dove 1 imprenditore su 2 originario di Crotone “espatria”. Seguono Vibo Valentia (47,2%), Vercelli (44,2%) ed Enna (43,1%). Scarsa invece la mobilità a Bolzano, Trento, Brescia e Aosta.
I nati a Milano si confermano però anche quest’anno i primi in Italia per numero di cariche in impresa esportate nelle altre province: ben 114 mila, precedendo Napoli (ferma a 108 mila) e Roma (75 mila).
I napoletani si rifanno per il numero complessivo di cariche in imprese presenti in Italia: tra titolari, soci, ecc., quasi 400 mila gli originari proprio di Napoli (396 mila), precedendo i romani (365 mila) e i milanesi (345 mila). E sono quasi 500 mila le persone a Milano e provincia impegnate in un’attività imprenditoriale, tra titolari, amministratori, soci (considerando le sole persone attive), primo posto in Italia col 6,6%, seguono Roma (427 mila) e Napoli (316). Ma tra questi, meno 1 di 2 è un milanese (il 48,6% del totale, in leggera crescita rispetto al 47,8% di due anni fa), il valore di autoctonicità più basso in Italia. Quasi 244 mila cariche invece provengono da persone nate in altre città, in particolare Monza e Brianza (3,6%), Varese (3,4%), Napoli (2,1%) e Roma (1,9%).
Le province più “autoctone” sono tutte concentrate al Sud: a Bari il 91,4% degli imprenditori è originario della città (+0,4% in due anni), segue Napoli (90,9%), Reggio Calabria (90,6%) e Lecce (90,6%). Mentre, oltre a Milano, le province in Italia che attirano più imprenditori sono Monza e Brianza (solo il 49,4% degli imprenditori a Monza e Brianza sono brianzoli), Prato (51,2%) e Novara (54,5%). I dati emergono da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro delle imprese al secondo trimestre 2013 (escludendo dall’analisi le cariche tenute da cittadini non italiani).
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota