Expo 2015: Slovacchia e Cile firmano il contratto di partecipazione

Expo 2015: Slovacchia e Cile firmano il contratto di partecipazione

Conta già 64 nomi la lista dei Paesi che hanno firmato il contratto di partecipazione a Expo Milano 2015.

di: Redazione ImpresaCity del 05/09/2013 16:35

Economia
 
La Repubblica Slovacca e il Cile hanno sottoscritto il documento che ufficializza la propria presenza a Expo Milano 2015: in questo modo sono già 64 i Paesi che hanno firmato il contratto di partecipazione all’appuntamento.
La Repubblica Slovacca avrà a disposizione una superficie di 1.010 metri quadrati per dare forma al tema di Expo Milano 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.
“Slovakia – World in the pocket” (Slovacchia, il mondo in tasca) è il theme statement che il Paese svilupperà nel proprio padiglione, come ha spiegato il Commissario Generale Martin Polak siglando il contratto. La ricchezza, la varietà e la diversità dell’ecosistema (symbiotic diversity) e della produzione agricola saranno gli elementi portanti, il focus su cui i visitatori saranno invitati a riflettere.
Il “Good Food Fast” sarà il principio ispiratore degli spazi di ristorazione slovacchi, dove usi locali e specialità della tradizione vivranno insieme con innovazione e globalizzazione.
“Siamo molto orgogliosi di partecipare a Expo Milano 2015 – ha spiegato il Commissario Generale del Padiglione slovacco Martin Polak -: l’Italia è un Paese molto vicino al nostro per cultura e mentalità, oltre che per collocazione geografica. Nel nostro padiglione il tema ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ assumerà il carattere di ‘diversità degli ecosistemi’, di diversità di culture e di prodotti alimentari, perché la Slovacchia è un posto in cui le influenze globali e locali e le tendenze tradizionali e moderne si incontrano. Mostreremo come la ricca cultura e tradizione della Slovacchia possa contribuire a offrire energia e cibo al pianeta”.

   milano-expo-sk-podpis-zmluvy-31.8.0213-01.jpg
Il Commissario Generale del Padiglione slovacco Martin Polak

Il Cile è il primo Paese latinoamericano ad assicurarsi uno spazio espositivo Self-Built, autonomo, all’interno del sito espositivo. Il padiglione, che sorgerà su un’area di 1.910 metri quadrati, svilupperà il tema “Chile a Diverse Country” (Cile, un Paese Diverso) e presenterà la ricchezza geografica, climatica e agricola del Paese. La produzione alimentare sarà il cuore dello spazio espositivo cileno che proporrà ai visitatori degustazioni di piatti tipici, lezioni di cucina ed eventi.
A siglare il contratto è stato il Commissario Generale del Paese Lorenzo Constans. “Offriremo diversi punti di vista sul nostro Paese – ha spiegato Constans -. Grazie al tema che abbiamo scelto, nel nostro padiglione spiegheremo la diversità e la ricchezza del Cile a livello politico, geografico e agroalimentare. È questo il focus della nostra partecipazione. Vogliamo che tutti coloro che visiteranno lo spazio espositivo cileno possano emozionarsi, conoscere il nostro Paese e divertirsi”.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota