Confcommercio: disoccupazione in crescita a maggio

Confcommercio: disoccupazione in crescita a maggio

Con il dato di maggio 2013 continua il processo di distruzione dei posti di lavoro creati tra il 2005 ed il 2008; il numero di occupati rimane ai livelli di aprile 2005.

di: Redazione ImpresaCity del 03/07/2013 08:03

Economia
 
A maggio 2013 il mercato del lavoro ha registrato un nuovo peggioramento in termini congiunturali. Rispetto ad aprile gli occupati sono diminuiti di 27mila unità a cui si è associato un aumento di 56mila persone in cerca di occupazione, determinando un incremento del tasso di disoccupazione ufficiale passato dal 12% al 12,2%.
Il numero di giovani (15-24 anni) in cerca di occupazione è leggermente diminuito dalle 656mila unità di aprile a 647mila di maggio, portando il tasso di disoccupazione giovanile al 38,5% dal 39,9% dei due mesi precedenti.
Nel mese di maggio sono state autorizzate circa 90 milioni di ore di CIG, in diminuzione rispetto ai 100 milioni di aprile. L'INPS ha rivisto i dati precedentemente diffusi sulle ore autorizzate di CIG nei primi quattro mesi del 2013. Sebbene il numero totale di ore si discosti poco dal conteggio precedente è evidente come, soprattutto nel mese di aprile, vi sia stato uno spostamento di ore dalla CIG straordinaria a quella in deroga (circa 25,6 milioni di ore in meno nella prima a fronte di un pari aumento nella seconda).
La percentuale di tiraggio, ovvero le ore effettivamente utilizzate, si è ridotta nel mese di marzo – utilizzata per le nostre previsioni di aprile e maggio – sia per la CIG ordinaria che per quella straordinaria ed in deroga (dal 59% al 45% la prima e dal 55% al 39% le ultime due). Questa diminuzione del numero di ore di CIG autorizzate e della percentuale di tiraggio ha determinato, secondo le stime dell'Ufficio Studi Confcommercio, una diminuzione del numero di persone in CIG, passato dalle 248mila stimate per aprile alle 221mila previste per maggio.
Il numero di scoraggiati è previsto in lieve diminuzione da 726mila persone di aprile a 713mila.
Aggiungendo ai disoccupati ufficiali la stima delle persone in CIG e degli scoraggiati otteniamo per maggio un tasso di disoccupazione esteso del 15,4%, stabile rispetto al dato di aprile.
L'aumento del numero di disoccupati di fonte ISTAT è stato compensato dalla diminuzione del numero stimato di persone in CIG e scoraggiate.
L'inflazione dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto si è stabilizzata all'1,5% - come ad aprile - dopo una lunga discesa iniziata nel mese di settembre 2012 in cui tale valore era pari al 4,7%.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota