Utili su, utili giù: i percorsi opposti di Lenovo e Hp

Utili su, utili giù: i percorsi opposti di Lenovo e Hp

I primi due produttori mondiali di pc hanno ufficializzato i rispettivi risultati di bilancio. La casa cinese va decisamente in controtendenza.

di: Redazione Impresa City del 24/05/2013 13:37

Economia
 
Sappiamo che sono tempi duri per i produttori di pc. Idc, per citare un analista, ha stimato un calo nelle vendite del primo trimestre 2013 del 13,9%. Eppure, non tutti stanno subendo la crisi allo stesso modo. Anzi, Lenovo va decisamente in controtendenza, stando ai risultati di bilancio appena resi noti.
Nell’ultimo anno, è il solo costruttore ad aver registrato un aumento della quota di mercato, tanto da raggiungere il 15,5%, contro il 13,2 del primo trimestre 2012. Nello stesso periodo, Hp ha seguito un percorso inverso, disponendo oggi del 15,7% del mercato, contro il 17,7% di un anno fa. Si può desumere che Hp subisca in pieno la crisi del mercato e, rispetto al rivale orientale, non riesca a compensare con la crescita sui mercati emergenti. 
Nel complesso, Hp ha subito un calo del fatturato del 10% nell’utlimo trimestre, totalizzando un valore di 27,6 miliardi di dollari. Peggio è andata con gli utili, calati del 32% (1,1 miliardi di dollari). A titolo di consolazione non trascurabile, va notato che comunque i risultati sono migliori delle attese e, quindi, il titolo ha reagito bene all’annuncio.
La priorità, al momento, appare la ristrutturazione delle attività che passa per una focalizzazione sui segmenti a maggior valore. L’azienda ha già previsto la soppressione di 29mila posti di lavoro entro la fine del 2014, prevedendo un risparmio di 3,5 miliardi di dollari all’anno. Nei comparti enterprise e stampanti, i margini restano buoni e compensano il leggero calo nelle vendite. 
Per contro, in un anno Lenovo ha quasi raddoppiato gli utili, arrivando a 127 milioni di dollari, superando largamente le attese (si prevedevano 108 milioni). Nello stesso periodo, le vendite sono salite del 4%, per un totale di 7,8 miliardi di dollari. Il vendor cinese non intende certo riposare sugli allori e sta spingendo ora soprattutto sul fronte della mobilità, dove si concentrano anche i migliori risultati di vendita a livello mondiale. La società detiene oggi il terzo posto mondiale di tutti i dispositivi connessi (smartphone, pc, tablet), con il 5,9%, dietro a Samsung e Apple. L’obiettivo è salire ancora.

Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota