Imu capannoni: con la prima rata di giugno aumenti fino al 51%

Imu capannoni: con la prima rata di giugno aumenti fino al 51%

La prima rata 2013 sarà pari al 50% di quanto pagato complessivamente nel 2012.

di: Redazione ImpresaCity del 13/05/2013 09:40

Economia
 
In attesa del decreto che dovrebbe essere approvato nei prossimi giorni, la prima rata dell’Imu sui capannoni subirà, rispetto a quella versata nello stesso periodo dell’anno scorso, un aumento medio nazionale del 35%. A dirlo è la CGIA di Mestre. Ma per 38 Comuni capoluogo di Provincia su 101 presi in esame, l’incremento della prima rata sarà addirittura del 51%. Tra queste 38 Amministrazioni segnaliamo che in valore assoluto gli aumenti più significativi si registreranno a La Spezia (+3.647 euro rispetto al 2012), a Taranto (+1.736 euro) e a Brescia (+1.472 euro). 
Con una crisi che non accenna ad allentare i suoi effetti negativi e con una contrazione della liquidità che aumenta di giorno in giorno – commenta Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre – è necessario che il Governo eviti questo ulteriore aumento di imposta, abolendo almeno il ritocco all’insù del coefficiente moltiplicatore“. 
La CGIA interviene anche sull’ipotesi di riduzione / abolizione dell’Imu sulla prima casa. “La proposta di togliere l’Imu sulla prima casa è condivisibile – conclude Bortolussi – tuttavia, corriamo il rischio di incorrere in nuovi aumenti dell’Imu sulle attività produttive. Dato che il gettito della prima casa finisce interamente nelle casse dei Comuni, c’è la possibilità, a fronte di questa mancata entrata e di un eventuale ritardo nell’applicazione delle misure compensative, che molti Sindaci aumentino le aliquote sugli immobili ad uso produttivo. Uno scenario che dobbiamo assolutamente scongiurare se non vogliamo penalizzare ulteriormente le imprese e di riflesso anche l’occupazione“.
I calcoli, segnala la CGIA, sono stati realizzati considerando la rendita catastale media dei capannoni di ciascun Comune capoluogo di Provincia. Inoltre, si è considerata la nuova base imponibile riferita al 2013 che, rispetto al 2012, è aumentata a seguito dell’incremento di 5 punti del coefficiente moltiplicatore che passa da 60 a 65. Per calcolare il versamento della prima rata che gli imprenditori hanno pagato a giugno 2012 si è considerata l’aliquota base del 7,6 per mille, come stabiliva la normativa.
Per misurare quanto verseranno gli imprenditori fra poco più di un mese si è tenuto conto della novità introdotta ieri dalla Commissione Bilancio: ovvero, la prima rata dell’Imu dovrà prevedere il versamento del 50% dell’imposta pagata complessivamente l’anno scorso, a meno che non sia già stata pubblicata nel sito del Dipartimento delle Finanze l’aliquota vigente per il 2013.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota