Il cloud ibrido diventa la regola

Il cloud ibrido diventa la regola

Secondo una recente indagine Netapp il 60% dei Cio europei ha in essere un sistema informativo ibrido, basato su risorse on premise e in cloud.

di: Redazione del 20/03/2017 15:52

Cloud Computing
 
Secondo una recente indagine Netapp il 60% dei Cio europei ha in essere un sistema informativo ibrido, basato su risorse on premise e in cloud.  Lo studio che ha coinvolto di 750 Cio di Francia, Germania e Uk ha preso in esame le attitudini e le pratiche in ambito cloud, sicurezza e allineamento al regolamento generale dell’Unione Europea sulla protezione dei dati (Gdpr).

hybrid-cloud.pngOltre la metà del campione intervistato ha indicato come la sicurezza sia il principale motore per l’adozione di soluzioni sulla nuvola e questo dimostra come stia crescendo la fiducia verso i provider. Inoltre, c’è una convergenza piuttosto evidente verso l’utilizzo del cloud per lo storage e il backup.

La via ibrida è quindi segnata e sembra essere comune a tutte le aziende, ma differiscono le modalità di implementazione e la scelta dei partner. I service provider locali sono i primi su cui le imprese puntano nel 26 per cento dei casi, mentre gli hyperscaler e i system integrator globali sono meno popolari, avendo raccolto fra il 17 e il 18 per cento di preferenze.

Tra i principali motivi che spingono le organizzazioni ad adottare soluzioni in cloud spiccano flessibilità e risparmio sui costi. Seguono la facilità di utilizzo e la protezione dei dati. Per quest’ultimo aspetto il Gdpr, cioè il regolamento comunitario che entrerà in vigore per tutti i Paesi membri a maggio 2018, rappresenta una sfida molto sentita dai Cio.

La maggioranza del campione sondato da Netapp ha dichiarato di avere una comprensione buona, molto buona o addirittura completa del regolamento. Ma c’è ancora un chief information officer su dieci che non conosce neanche l’esistenza della normativa.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota