Visual Studio 2017, sviluppo multipiattaforma e cloud

Visual Studio 2017, sviluppo multipiattaforma e cloud

L’ultima major release è orientata alla creazione di applicazioni multipiattaforma, destinate a computer e dispositivi mobili ed è coerente con la dimensione cloud

di: Redazione del 09/03/2017 10:26

Cloud Computing
 
L'ultima versione dell'ambiente di sviluppo Visual Studio di Microsoft testimonia del cambiamento che sta interessando lo scenario informatico e gli oggetti target di sviluppo che sono al centro della politica del gigante del software. L’ultima major release è, infatti, orientata alla creazione di applicazioni multipiattaforma, destinate a computer e dispositivi mobili ed è coerente con la prospettiva di fruizione in cloud, con integrazione diretta tra le tecnologie più in voga del momento (microservizi, container e così via).

visual-studio.jpgTra le principali novità di Visual Studio 2017 spicca uno strumento di anteprima degli Xamarin Forms, introdotto grazie all’acquisizione di Xamarin nel 2016, che permette agli sviluppatori di visualizzare interfacce iOs e Android durante la scrittura di codice Xaml, il linguaggio di markup basato su Xml realizzato dalla stessa Microsoft.

L’aggiornamento dell’Ide supporta inoltre le applicazioni create con .Net Core 1.0 e 1.1 e presenta nuove funzionalità avanzate di debugging e profilazione, utili per individuare in meno tempo problemi nel codice e nella gestione delle risorse utilizzate dalle applicazioni. E non solo da quelle: Microsoft ha spiegato di aver lavorato intensamente per facilitare e alleggerire anche la procedura di installazione dell’Ide. Gli utenti possono così decidere i singoli componenti da installare ed eseguire, rendendo così più snello l’ambiente.

Anche l’avvio di Visual Studio 2017 è più veloce: secondo dati forniti dal colosso di Redmond l’esecuzione è tre volte più rapida rispetto alla versione precedente, mentre l’apertura dei progetti è stata accelerata da due a quattro volte. L’aggiornamento può funzionare anche a fianco delle release precedenti: non è quindi più necessario disinstallarle.

Chi possedeva già la beta distribuita nei mesi scorsi dovrà effettuare l’upgrade, mentre chi non può permettersi le due edizioni a pagamento, Professional ed Enteprise, potrà fare affidamento sulla versione gratuita Community. Tutte le novità di Visual Studio 2017 sono elencate e descritte a questa pagina.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua