Arriva in Italia il public cloud di OVH

Arriva in Italia il public cloud di OVH

Il provider europeo rende disponibili in Italia i primi servizi di cloud pubblico

di: Redazione del 27/10/2015 15:07

Cloud Computing
 
In costante evoluzione l'offerta di provider che hanno sinora proposto servizi in hosting. E' il caso di OVH che annuncia le primse soluzioni Public Cloud mettendo a punto un'infrastruttura ritagliata sulle esigenze delle aziende europee: data center nell'area geografica di riferimento, protezione DDoS automatica, tripla replica dei dati e standard aperti.

Destinato a sviluppatori, System Administrator e DevOps, il servizio garantisce un livello di SLA del 99,999%, unitamente alla disponibilità e affidabilità delle infrastrutture Cloud.I l Public Cloud di OVH si basa su piattaforma open source OpenStack.

“Vogliamo che le aziende italiane adottino il Cloud con fiducia, non solo in termini di sicurezza, ma anche di disponibilità, costi e risorse impiegate”, spiega Dionigi Faccenda, Sales & Marketing Director di OVH Italia. Il Public Cloud di OVH è una soluzione sicura, flessibile e senza vincoli di lock-in. Il nostro obiettivo è assicurare agli utenti la libertà e la flessibilità di cui hanno bisogno per seguire l’evoluzione del proprio core business. E' solo l’inizio, presto la versione base si arricchirà di nuove funzioni, tra cui le funzionalità di rete per favorire il Cloud ibrido.”

OVH offre due tipi di servizi Public Cloud: Istanze Public Cloud e Storage Public Cloud.  

Con le Istanze Public Cloud è possibile scegliere due tipologie di Virtual Machine: le istanze RAM, progettate per i servizi che utilizzano grandi quantità di memoria, come l’esecuzione di applicazioni SaaS, la creazione di contenuti multimediali o la gestione di database di grandi dimensioni; le istanze Cloud CPU, ensate per gestire processi che necessitano dii potenza di calcolo, quali l’analisi dei dati, le simulazioni al computer e la gestione dei picchi di carico.

Il Public Cloud Storage offre una high availability dell’object storage, che può essere utilizzata per lo storage e l’accesso di grandi quantità di contenuti binari per lo sviluppo di applicazioni. In questo modo, per gli sviluppatori non sarà più necessario configurare i servizi NFS o FTP. Sono, inoltre, disponibili anche opzioni di storage classico o ad alta velocità.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota