Dell, EMC e il buco nero di Vmware

Dell, EMC e il buco nero di Vmware

Quali sono gli obiettivi e le strategie alla base dell'acqusizione multimiliardaria? Quale il futuro di Vmware?

di: Piero Macrì del 13/10/2015 11:17

Cloud Computing
 
Con 67 miliardi di dollari Dell compra l’intera Federation di EMC: lo storage, RSA, Pivotal e VMware. Tranne per quest'ultima, che continuerà a esistere come società pubblica, un altro pezzo significativo del mercato ICT viene privatizzato.

Nel 2014 la dimensione federata di EMC ha fatturato 24,4 miliardi: 16 sono ascrivibili alla componente storage, 6 a Vmware, 1 a RSA e 0,23 a Pivotal. EMC ha una capitalizzazione di mercato di 50 miliardi di dollari a fronte di un fatturato di 24,4 miliardi di dollari, di contro Vmware ha una capitalizzazione di 33 miliardi a fronte di un fatturato di 6 miliardi di dollari. Il rapporto tra fatturato e valore di mercato è uno a due per EMC e uno a cinque per Vmware. Quest’ultima è la società che gode quindi del miglior apprezzamento sul mercato. Eppure l’interesse nell’acquisizione di Dell è il core business di EMC, lo storage.

Cosa ne sarà di Vmware, posseduta all’80% da EMC? Sarà ceduta e utilizzata come leva per alleggerire il costo dell’acquisizione? Da un punto di vista squisitamente finanziario l’esito dell’operazione dipende, quindi, da come sarà affrontata la questione Vmware. A differenza di altre mega fusioni quella di Dell appare di difficile lettura in quanto, in questa prima fase, non si ha certezza di quale sarà l’esito finale: con o senza Vmware?

ent-hardwar-share.png

Se l’oggetto vero dell’acquisizione è lo storage di EMC, considerato che RSA e Pivotal sono, quanto meno in termini di fatturato, del tutto marginali, c’è da chiedersi se il tutto può davvero rivelarsi per Dell l’occasione per dare una svolta definitiva al proprio business diventando il possibile numero uno nel settore enterprise. Il fatturato storage di EMC non cresce più a due cifre pome in passato, la crescita nell’ultimo anno è stata poco superiore al 2%. E il motivo principale è rappresentato dalla concorrenza del cloud che vede sempre più aziende acquisire risorse infrastrutturali da provider del calibro di Amazon, Microsoft, Google e Ibm. Una tendenza che secondo gli analisti continuerà a incrementare andando a ridurre sensibilmente l’investimento infrastrutturale nel data center on premise.

E’ quindi utile acquisire oggi lo storage EMC considerato che si tratta essenzialmente di integrare una componente legacy? Come per Ibm il mainframe, per EMC lo storage di classe enterprise VMAX non scomparirà, in quanto rappresenta il business a supporto di workload strategici. Continuerà a espandersi coerentemente con esigenze di capacità. Accanto ad esso andranno ad assumere rilevanza nuove tecnologie: i sistemi all flash, per quanto ancora presentino un costo dieci volte superiore ai sistemi array a disco, si evidenziano come tecnologia coerente per tutte quelle applicazioni dove la priorità è rappresentata dalle capacità prestazionale nell’ambito del supporto a nuove applicazioni.

Se da una parte Dell metabolizza asset strategici del mondo enterprise l’acquisizione per come è stata prospettata manca di prospettiva. Qual è la strategia di Dell per il cloud? L’obiettivo e l’assunto di fondo è essere il fornitore per la creazione di infrastutture on premise? Se così fosse Vmware costituirebbe una risorsa irrinunciabile, ma così non sembra essere.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota