La Corte di giustizia dell'Ue congela l'accordo Safe Harbor

La Corte di giustizia dell'Ue congela l'accordo Safe Harbor

Recependo il parere recente dell'avvocatura generale, l'organismo dell'Unione Europea ha deciso di invalidare L'intesa con gli Usa sul trattamento dei dati personali.

di: Redazione ImpresaCity del 07/10/2015 09:31

Cloud Computing
 
E ora? Viene da chiederselo dopo che la Corte di giustizia europea, avallando il parere espresso dal suo avvocato generale Yves Bot un paio di settimane fa, ha deciso di sospendere l'accordo denominato Safe Harbor, che dal 2000 regola il trattamento dei dati personali in transito verso gli Stati Uniti.
L'organismo continentale ha motivato la propria decisione ritenendo che le normative americane in materia di sicurezza rendono possibili ingerenze, da parte di autorità pubbliche (in primis la National Security Agency), capaci di ledere i diritti fondamentali delle persone e questo sia sufficiente per bloccare l'applicazione dell'accordo. Si rileva anche come non esistano regole destinate a limitare le ingerenze né una protezione giuridica efficace contro eventuali abusi.
Per il momento, le conseguenze di questo pronunciamento sono limitate e si applicano alla causa intentata dal cittadino austriaco Maximilian Schrems, utilizzatore di Facebook dal 2008. L'uomo ha portato il proprio caso davanti alla Corte di giustizia irlandese e ora quest'ultima dovrà tenere in considerazione il pronunciamento dell'organismo Ue. Toccherà a essa, in virtù della direttiva, deliberare l'eventuale sospensione del trasferimento di dati di abbonati europei di Facebook verso gli Stati Uniti.
Di fatto, l'attuazione delle decisioni prese dalla corte di giustizia europea costringerà aziende come Facebook, Google o Microsoft A trattenere in Europa i dati relativi a cittadini dell'Ue, senza più poterle trasferire negli Usa per scopi commerciali o a fini di sicurezza pubblica.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota