Nokia Networks: nelle TLC il cloud non basta. Va anche decentrato e reso sicuro

Nokia Networks: nelle TLC il cloud non basta. Va anche decentrato e reso sicuro

Airframe di Nokia Networks è una nuova soluzione che combina i benefici del cloud aperto con i requisiti necessari nel mondo delle telecomunicazioni

di: G.F. del 05/06/2015 16:38

Cloud Computing
 
Per gli operatori di telecomunicazioni e per i vendor è venuto il momento di adattare l’infrastruttura ICT al cloud computing in vista dei programmi a lungo termine che riguardano il 5G (con orizzonte 2020 e oltre). E Nokia Networks si prepara a questo   nuovo mondo che connette persone e oggetti   dandogli un nome complessivo (Programmable world) e predisponendo la soluzione AirFrame Data Center che unisce la preparazione per il 5G con l’adozione di una visione architetturale che si basa su un cloud distribuito, sia centralmente sia localmente vicino alle arre di accesso.
nokia-airframe.jpg
Componenti di Airframe sono server (rigorosamente in architettura X86) e switch con l’accompagnamento di una suite di servizi che devono intercettare i nuovi bisogni di utenti e le nuove opportunità dell’IoT. 
 
Una caratteristica forte: l’orientamento specifico al mercato telco, il rispetto dei requisiti di standardizzazione e la leva ormai classica sulla virtualizzazione delle funzioni di rete.Una parte importante per rassicurare gli operatori alle prese con un difficile passaggio   viene giocata dagli standard aperti e dal   supporto delle funzionalità NFV. La piattaforma dei data center è ormai regolarmente su standard Intel, mentre gli operatori non devono  lasciare il passo ai nuovi provider OOT, da Google ad Amazon   per la gestione e l’offerta di contenuti.
nokiamazzocchini.jpg
Per dirla con le parole di  Massimo Mazzocchini, responsabile della country italiana di Nokia Networks "la velocità nello sviluppo della tecnologia è nel cuore della strategia di Nokia. Velocità vuol dire alta disponibilità per le persone. Ma per essere utilizzabili dalle persone le informazioni disponibili devono incorporare intelligenza”.Le strategie di Nokia vanno nella stessa direzione di quelle di Alcatel-Lucent su cui Nokia dovrebbe mettere le mani entro la seconda metà del prossimo anno. Ma   benefici e scalabilità cloud non devono andare a scapito della sicurezza. In questo mondo TLC fatto di cloud centralizzato e decentralizzato la sicurezza   deve essere “built-in e non un add-on”.
nokia.targia.jpg
E’ questo il senso del lavoro portato avanti da Nokia in tema sicurezza come lo spiega Giuseppe Targia, VP Security Business di Nokia, che segnala come nel nuovo mondo dell’IoT fatto di dispositivi e applicazioni il perimetro della rete non esiste. Il processo di cambiamento fa leva su oggetti in cui l’intervento umano viene ridotto ai minimi. Il sistema di difesa viene autogestito attraverso tecniche di intelligenza e analisi embedded che ricordano quelle del sistema immunitario del corpo umano: una difesa che autoapprende (self learning) e abbandona una difesa di tipo statico e perimetrale per mettere il sistema in grado di “sopravvivere”.
La strategia di Nokia è di abbandonare la nozione di un data center altamente centralizzato permettendo agli operatori di seminare le funzioni dei data center lungo tutta la rete consentendo una gestione più locale dei dati degli utenti, possibilmente ai piedi delle antenne e delle base station esistenti.La capacità di elaborazione dei dati viene così distribuita alleviando le reti che prevedibilmente saranno congestionate dal traffico mobile prima 4G, e poi 5G.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota