Per Microsoft l'era Post-PC è ricca di opportunità

Per Microsoft l'era Post-PC è ricca di opportunità

L’anno fiscale 2014 di Microsoft si è chiuso con un fatturato di 86,8 miliardi di dollari, una crescita del 12% anno su anno

di: Redazione del 30/12/2014 15:31

Cloud Computing
 
Chi prima inizia è a metà dell’opera… un proverbio che può valere anche nel cloud dove Amazon, stiamo parlando di servizi infrastrutturali rivolti alle imprese, è ancora l’indiscusso leader in termini di fatturato e clienti. Ma il cloud è un mercato ancora tutto da esplorare e le reali opportunità si andranno svelando nel corso dei prossimi anni.
Microsoft e Google sono diventati dei seri competitor nei confronti di Amazon, così come Ibm e il nucleo storico dei big player dell’IT, vedi Oracle, Sap, HP e Cisco, stanno progressivamente convertendo parte della propria offerta in una logica as a service. Il cammino sarà lungo e diversificato e metabolizzerà nuove aree applicative conseguenti dinamiche di mercato associate al Big Data e all’IoT.
Ma al di là delle nuove opportunità che deriveranno da nuove aree applicative emergenti, quello che conta è riuscire a comprendere come evolverà il core business dei big player e come questo riuscirà a trarre vantaggio dall'It as a service.
L’anno fiscale 2014 di Microsoft si è chiuso con un fatturato di 86,8 miliardi di dollari e una crescita del 12% anno su anno. Risultati eccellenti, che contraddicono la teoria secondo la quale l’emergere di un’era Post-PC avrebbe ineluttabilmente indebolito il business della (ex) PC company. Tutto ciò non sta avvenendo e dimostra come la ridefinizione dei fondamentali dell’industria dell’IT possa rappresentare un’opportunità per chi è in grado di gestire al meglio il cambiamento.
La logica che muove l’innovazione in Microsoft, che si contestualizza nel claim mobile & cloud first, sta iniziando a dare risultati. Servizi e device vengono erogati e concepiti in base a un modello one to many, non vi è più come in passato una corrispondenza univoca Windows to Windows anche se non si deve tascurare che sul fronte mobile l’acquisizione Nokia fa progressi: nell’ultimo trimestre il numero di smartphone Lumia venduti è stato di 9,2 milioni di unità, un bel progresso rispetto alll 5,8 milioni di dispoitivi venduti nel trimestre precedente.
Cresce poi significativamente la componente enterprise che nell’ultimo anno fiscale ha raggiunto una cifra prossima ai 50 miliardi di dollari, crescita che nel medio e lungo termine sarà sempre più dipendente dal cloud, il cui fatturato è cresciuto anno su anno del 116%.
Insomma, Microsoft sembra essere a suo agio nell'era Post-PC e mobile-cloud first.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota