Microsoft e Ibm insidiano il business di Amazon

Microsoft e Ibm insidiano il business di Amazon

Microsoft, Ibm e Google sfidano la supremazia di AWS nel cloud. Nell'ultimo trimestre la mgiliore performance è quella di Microsoft: + 136%

di: Redazione del 13/11/2014 14:43

Cloud Computing
 
In corso in questi giorni a Las Vegas la mega convention re:Invent di Amazon Web Services cui partecipano 13.500 tra partner e clienti. AWS, pioniere dei servizi infrastrutturali, pur continunado a dominare la scena, con un market share (Fonte Synergy Research Group) del 27%, inizia a risentire della concorrenza e deve riuscire a contenere gli obiettivi di espansione messi in atto da  Microsoft e Ibm che a livello di infrastruttura detengono nell'ordine il 10% e il 7% delle quote di mercato posizionandosi rispettivamente al secondo e terzo posto della classifica globale. A seguire Google, Salesforce e Rackspace. Una competizione che si gioca molto sui prezzi.

synergy-q3.jpg
Dal punto di vista tecnico, affermano alcune aziende che fino a poco tempo fa erano esclusivamnte clienti AWS, c'è davvero poca differenza rispetto a quanto offerto da altri cloud provider infrastrutturali, ragione per cui la capacità di erogare servizi a prezzi più bassi diventa un vantaggio competitivo in grado di orientare i clienti verso questo o quel provider.
Fino a che punto potranno ancora scendere i prezzi? Impossibile rispondere. Di certo, da quello che si è assistito nell'ultimo anno, sembra che vi sia ancora spazio per una ulteriore riduzione dei listini. Una dinamica che, ancora una volta, fa riflettere sulla natura del business del cloud, un settore nel quale per riuscire a sviluppare una economia sostenibile, si deve essere in grado di mettere a punto infrastrutture che sfruttino soprattutto economie di scala e sappiano esprimere un indice di produttività sempre maggiore.
In base ai dati rilasciati da Synergy relativi al terzo trimestre 2014 Microsoft è il provider che nel periodo di riferimento ha evidenziato la crescita maggiore con un aumento di volume d'affari del 136%. Certo non bisogna dimenticare che gli ordini di grandezza del businessdi AWS è ancora più che doppio di quello di Microsoft, ma le cose stanno cambiando.
Il cloud rimane comunque un mercato con opportunità di crescita pressoché illimitate. La rinnovata concorrenza espressa da Microsoft, Ibm e Google non si riflette in una crisi del business di AWS che nell'ultimo quarte è cresciuta del 39%. Le dinamiche del comparto riflettono perciò un differente posizonamento e rapporto di forze tra i diversi provider in un mercato in costante crescita
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota