La Toscana si apre ai servizi online

La Toscana si apre ai servizi online

Il portale Open Toscana intende rafforzare la collaborazione con i cittadini attraverso l’accesso “any device” a servizi, dati, applicazioni e aree di condivisione.

di: Redazione ImpresaCity del 06/11/2014 16:38

Cloud Computing
 
Pur nell’attuale panorama di tagli e ristrettezze, qualche parte virtuosa della Pubblica Amministrazione prova a far evolvere i propri rapporti con la cittadinanza, nell’ottica della maggior partecipazione alla vita collettiva.
La Regione Toscana ha pensato di riorganizzare la proposta di servizi online, aggregando iniziative già disponibili su siti diversi e nuove proposte in un unico portale, battezzato Open Toscana. Il nuovo strumento è diviso in sei aree, identificabili dalle voci Servizi, Dati, Partecipazione, App, Cloud e Startup, con un layout responsive, che lo rende accessibile da qualunque tipologia di dispositivo.
Le aree che possono interessare le fette più ampie di collettività sono quelle legate alla fruizione di servizi e alla consultabilità aperta di numerosi dati. Quest’ultima componente è ad accesso totalmente libero e offre ai cittadini la possibilità di fruire di dataset che comprendono aree come i trasporti, l’andamento demografico, il turismo o altro. Qualora qualcuno non trovi quanto necessario, può segnalarlo e ottenere una risposta rapida e l’eventuale pubblicazione, se possibile, entro trenta giorni.
L’accesso ai servizi coordinati dalla Regione, invece, è subordinata a un’identificazione ottenuta attraverso le lettura della carta sanitaria digitale. Per attivarla, occorre procurarsi un lettore, disponibile presso le Asl al costo di 4,20 euro. Una volta entrati nell’area dedicata, è possibile, ad esempio, consultare la propria cartella sanitaria o pagare il bollo auto.
La sezione app ospita al momento ventuno applicazioni di vario genere, fra le quali spiccano “Hai sentito il terremoto?”, che serve per segnalare eventuali scosse o ricevere avvisi preventivi, “Car2Go” (per affittare un’auto ecologica), contatti diretti con Enel, Arpat (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) e Poste Italiane, nonché il calendario “ToscanaEvents” e il servizio informativo dell’Aeroporto di Pisa.
StartUp è lo spazio dedicato alle realtà innovative che stanno nascendo nella Regione, mentre Cloud Toscana offre spazio sul data center della Regione per ospitare enti pubblici e privati che vogliano offrire servizi a cittadini e imprese.
Nei primi giorni di funzionamento del portale, oltre 3.500 persone hanno visitato il portale e si è registrato un certo incremento nella fruizione online di alcuni servizi, come il pagamento del bollo auto.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota