Red Hat si propone come partner per l’innovazione della Pa italiana

Red Hat si propone come partner per l’innovazione della Pa italiana

Le caratteristiche dell’offerta infrastrutturale open source si adattano a quanto richiesto nella gara Consip per la razionalizzazione dei sistemi informativi.

di: RB del 05/05/2014 09:37

Cloud Computing
 
Sui servizi di cloud computing si sta costruendo il futuro tecnologico della Pubblica Amministrazione italiana, impegnatasi con i contenuti dell’Agenda Digitale a migliorare il dialogo con i cittadini e le imprese. Di recente, inoltre, sono state definite nei dettagli le linee guida che dovranno portare le realtà pubbliche italiane a preferire sempre le soluzioni open source in rapporto a quelle proprietarie, salvo condizioni di impossibilità che dovranno comunque essere motivate.
Consip ha pubblicato a fine 2013 i termini della gara per la razionalizzazione dei sistemi informativi delle Pa sia a livello centrale che locale, puntando a ottenere 3 miliardi di euro di risparmi proprio grazie all’erogazione dei servizi It in modalità cloud.
Quattro sono i lotti nei quali è suddivisa la gara, che ha un valore complessivo di poco inferiore ai 2 miliardi di euro su una durata di cinque anni. Nel primo lotto sono compresi tutti i tipi di servizi cloud, da quelli IaaS (Infrastructure-as-a-Service) per la fruizione di risorse remote virtuali a quelli PaaS (Platform-as-a-Service) per l’erogazione alle Pa di servizi middleware per lo sviluppo, test e messa in opera delle applicazioni, per arrivare al Software-as-a-Service per l’utilizzo di applicazioni legate alla gestione e conservazione dei documenti, alla collaborazione, alla produttività individuale, alla comunicazione unificata e all’analisi dei dati. Gli altri lotti riguardano la gestione delle identità digitali e della sicurezza applicativa, l’interoperabilità dei dati e la realizzazione di portali e servizi online. 

Le proposte di Red Hat in relazione al bando di gara
Alla luce delle caratteristiche e dei requisiti richiesti da Consip, Red Hat si propone a buon titolo come partner ideale per il supporto allo sviluppo dei servizi in modalità cloud descritti nel bando di gara. Il paradigma dell’Open Hybrid Cloud, in particolare, soddisfa le esigenze di implementazione di una piattaforma completa di erogazione dei servizi in ambiente aperto, consentendo di far leva sugli investimenti già effettuati anche su piattaforme di virtualizzazione non aperte, affiancando uno stack open source, che mantenga un unico strumento di gestione anche per il passaggio al cloud, eliminando i vincoli a qualunque tecnologia sottostante. Questa logica si adatta a quanto descritto nella prima parte del bando di gara.
Red Hat Enterprise Linux si presenta come l’ambiente ideale per la garanzia di sicurezza richiesta da quanto delineato nel secondo lotto, mentre le tecnologie di integrazione proposte con il middleware JBoss (Fuse, Brms, Bpm, Eap, Data Grid) offrono gli strumenti più efficaci per favorire l’interoperabilità e lo scambio di data fra Pubbliche Amministrazioni, nonché per la realizzazione di soluzioni di content management e sviluppo di portali riassunti nei due lotti rimanenti.
In combinazione con i partner che offrono sistemi, applicazioni e erogazione materiale dei servizi cloud, Red Hat è in grado di fornire l’infrastruttura completa necessaria all’evoluzione della Pubblica Amministrazione italiana in direzione della maggior efficienza, coniugata al risparmio di costi e risorse utilizzate.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota