Il modello Dynamics di Microsoft converge sul cloud

Il modello Dynamics di Microsoft converge sul cloud

Nuove estensioni e funzionalità per il CRM. Annunciata per il 2015 la disponibilità della versione cloud di AX. Ecco come cambia il mercato Dynamics

di: Piero Macrì del 05/03/2014 12:58

Cloud Computing
 
Prima di partire per Atlanta e seguire Convergence 2014, l’appuntamento americano dedicato a partner e clienti delle soluzioni business di Microsoft, quelle che fanno riferimento al portafoglio d’offerta Dynamics, sono andato a rileggermi alcune recenti affermazioni di Kirill Tatarinov, vice president Microsoft responsabile della divisione. In buona sostanza Tatarinov sostiene che molte delle soluzioni cloud ERP presenti sul mercato non costituiscono una vera alternativa alle soluzioni on premise presenti nelle grandi organizzazioni, tipicamente quelle con più di mille dipendenti. Questo però non vuol dire che il cloud non sia un modello da perseguire, tutt’altro. Ma ci vorrà tempo prima che il perimetro ERP dei profili corporate ed enterprise possa essere rappresentato da un’alternativa only cloud. Lo dimostra il fatto che la disponibilità della versione Azure di AX, più volte annunciata, è stata costantemente rinviata. Prevedere un passaggio di questo genere significa mettere a punto un ambiente di grande complessità… impariamo dagli errori degli altri, dice Tatarinov, e il nostro obiettivo è avere AX come offerta public cloud nel 2015.
Nelle intenzioni di Microsoft, questa major release, la 7, rappresenterà una vera piattaforma per la realizzazione di sistemi business end-to-end. Prima di quella data, nel corso del 2014 la disponibilità di AX release 3 renderà possibile implementare servizi business in una logica privata. Il percorso cloud delle soluzioni business per le grandi aziende è fatto, quindi, di passaggi incrementali. Diverso il discorso per ciò che riguarda le piccole e medie aziende dove le soluzioni che indirizzano questo mercato - in Italia la più diffusa è Navision, così come GP, quella tipicamente utilizzata dal comparto small medium business americano - sono già state cloudizzate. Così come non è mai esistita alcuna perplessità nei confronti del cloud CRM, in quanto si ritiene che esista una convergenza di interessi trasversale a tutte e aziende, siano esse grandi o medie. Non a caso Dynamics CRM, è infatti disponibile in cloud da oltre due anni.
Come rivelano molte delle esperienze dei partner Microsoft all’appuntamento di Altanta, non ha più senso confrontarsi unicamente con esigenze ERP in termini di soluzione monolitica. Soluzioni business che gestiscono singoli processi o funzioni complementari al core business dell’ERP di riferimento rappresentano ormai la normalità di molte realtà aziendali. E’ quel mercato definito in gergo tier 2, di secondo livello, che coesiste e si integra in ambienti dove esiste un livello 1 tipicamente associato ad ambienti Sap corporate. Ed è in questo contesto che il cloud può avere tutti i numeri per potersi esprimere soddisfacendo esigenze di time to market, agilità e velocità di deployment che sono essenziali per sviluppare nuovo business anche all’interno delle grandi aziende.
Nel corso della convention americana, che ha visto la partecipazione di oltre 12 mila persone, l’enfasi è stata posta soprattutto su AX e sulle potenzialità di estensione e integrazione delle soluzioni CRM in termini full marketing, grazie all’ottimizzazione e consolidamento di Marketing Pilot, ora diventato Microsoft Marketing, così come alle modalità self service di customer care, grazie alla tecnologia Parature di recente acquisizione, o alle funzionalità di Social Listening derivate da NetBreeze o, infine, alla capacità di portare le applicazioni e i servizi su device mobili. Le soluzioni business di Microsoft – dice Tatarinov - hanno l’obiettivo di coniugare al meglio le quattro dimensioni che identificano la trasformazione digitale delle organizzazioni: mobile, cloud, big data, social. Vi sono opportunità determinate dalla possibilità di avviare processi in digitale attraverso molteplici device e canali di comunicazione che permettono alle aziende di vendere e raggiungere il cliente in modo innovativo, così come offrire un customer care che possa prevedere molteplici tipologie di interazione. Sono ancora relativamente poche le aziende che hanno implementato queste nuove tecnologie, osserva Tatarinov, ma l’approccio da noi scelto, con piena integrazione di Office, permetterà di creare innovazione in modo più efficace e proficuo.
Riccardo Sponza, marketing director Dynamics per l’Italia vede nel cloud la leva per riuscire a dare alle aziende la capacità di scegliere un’alternativa di investimento operativo contrapposto a quello CAPEX tradizionale. Cresce anche in Italia l’installato AX, sul quale si valuta ci siano in questo momento interessanti spazi di espansione, e si consolida il mercato NAV. Per quest’ultimo la componente cloud è già diventata una realtà così come lo è per il CRM. Il mercato di volume è un mercato coerente con la logica cloud, afferma Sponza. "Si possono creare soluzioni ripetibili, coerenti con una domanda trasversale a molte aziende. In buona sostanza, il cloud può rappresentare una leva per un nuovo business. Significa poter creare economia di scala in termini erogazione dei servizi grazie alla possibilità di mettere a punto un’infrastruttura in logica multitenant, in grado di assecondare più istanze e clienti.".
Nel corso del 2013 la crescita globale registrata dall’offerta Dynamics è stata del 10%, secondo quanto affermato dal management di Microsoft. Negli Stati Uniti particolarmente positiva è stata la performance di AX che in termini di licenze, negli ultimi 6 mesi, ha visto il business lievitare di oltre il 30%. Una dinamica positiva che in qualche modo si riflette anche in Italia, come dimostra, per esempio, il caso di MHT, Microsoft partner con competenze sull’intero spettro di soluzioni Dynamics, AX-NAV-CRM, acquisita di recente da Engineering. La crescita del mercato AX – dice Franco Coin, amministratore delegato e fondatore di MHT - è un segnale che testimonia della disponibilità al cambiamento di un numero consistente di realtà aziendali. AX pur confrontandosi con un mercato ERP maturo, dove la dinamica è quella della sostituzione, viene apprezzato soprattutto da quelle aziende che hanno obiettivi di espansione su nuovi mercati o che comunque hanno una presenza internazionale. Ma esistono opportunità in termini di soluzioni che riguardano la gestione di singoli processi o funzioni all’interno di grandi aziende con il classico installato Sap. Per quanto riguarda il cloud, afferma Coin, non si tratta se essere d’accordo o meno. "E’ un percorso obbligato, poiché il cloud è una modalità di erogazione dei servizi IT che verrà scelta da un numero di aziende sempre maggiore. Si tratta di trovare un modello di business che sia equilibrato da un punto di vista economico. Su CRM e NAV abbiamo già un bel numero di installazioni in cloud. Diventa importante adesso e nei prossimi anni iniziare a prendere posizione sul cloud con AX. Le versione attesa per il 2015, la 7, conclude Coin, segnerà l’inizio di una nuova dimensione di mercato sulla quale si potranno innescare opportunità davvero interessanti".
Tag notizia:

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota