Il Workspace as a Service di Colt

Il Workspace as a Service di Colt

Progettato per i clienti aziendali il servizio Colt offre all'utente un'esperienza uniforme su smartphone, tablet e PC

di: Redazione del 21/02/2014 11:36

Cloud Computing
 
Colt ha annunciato il lancio della soluzione Workspace as a Service. Questo nuovo servizio è pensato per rispondere al bisogno dei dipendenti di accedere sempre e ovunque ad applicazioni e dati aziendali da più dispositivi, afferma il provider. Rappresenta un vantaggio anche per i dipartimenti IT, poiché semplifica la manutenzione e assicura protezione di livello enterprise di applicazioni e risorse aziendali. 
Progettato per i clienti aziendali, oltre che per essere erogato dagli integratori di sistemi, il servizio Colt offre all'utente un'esperienza uniforme su smartphone, tablet e PC. Grazie a un modello di prezzo per utente semplice, Workspace as a Service di Colt permette ai dipartimenti IT di controllare e gestire i costi ampliando o riducendo l'entità delle implementazioni in base alle esigenze dell'azienda.  
Questo nuovo servizio è pensato per rispondere al bisogno dei dipendenti di accedere sempre e ovunque ad applicazioni e dati aziendali da più dispositivi. Rappresenta un vantaggio anche per i dipartimenti IT, aggiunge il cloud provider - poiché semplifica la manutenzione e assicura protezione di livello enterprise di applicazioni e risorse aziendali. 
Da uno studio pubblicato di recente da Forrester Research è emerso che quasi un terzo (29%) dei dipendenti attualmente utilizza tre o più dispositivi, lavora da più luoghi e utilizza molte applicazioni mentre Gartner afferma che il 38% delle società prevede di non fornire più dispositivi ai dipendenti entro il 2016. Solo la metà delle aziende rivela di disporre di una policy per il BYOD e il 94% sostiene che una violazione della sicurezza della rete è la loro maggiore preoccupazione. 
I dipartimenti IT - ne conclude Colt - sono quindi gravati dalla necessità di trovare un equilibrio tra il bisogno dei dipendenti di accedere alle applicazioni per svolgere il loro lavoro utilizzando una gamma sempre più ampia di dispositivi e l'imperativo di proteggere i dati e tenere i costi sotto controllo.
"Le modalità con cui i dipartimenti IT erogano l'EUC (End User Computing) sono cambiate, afferma Hugo Harber, VP Portfolio & Strategy di Colt. Fino a dieci anni fa avevamo tutti PC desktop standard che venivano sostituiti ogni tre anni e la cui manutenzione era svolta da personale esperto. Adesso i dipendenti devono essere in grado di accedere ai sistemi aziendali da più dispositivi, anche personali, ma il dipartimento IT conserva la responsabilità della conformità dei dati e dell'accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ai sistemi business critical da cui tutti noi dipendiamo. Tutto ciò cercando di tenere i costi sotto controllo e di rimanere in linea con gli obiettivi strategici aziendali".  
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota