Amazon Web Services, inizia la scalata al business italiano

Amazon Web Services, inizia la scalata al business italiano

Inizia a diffondersi in Italia il cloud di Amazon. Tra i clienti già acquisiti: Lamborghini, Gucci, Unicredit, Vodafone e Seat Pagine Gialle

di: Piero Macrì del 13/11/2013 12:04

Cloud Computing
 
Nel suo Magic Quadrant Gartner la colloca tra i leader dei servizi infrastrutturali, anzi la considera l’unico vero e puro cloud player. Per chi non l’avesse ancora capito stiamo parlando di Amazon Web Services, il provider che vanta il più ampio market share globale nella dimensione IT as a service. La capacità computazionale di cui dispone – afferma la società di analisi – è 5 volte superiore alla capacità complessiva dei 14 provider che sono stati censiti nel Magic Quadrant, tra questi Ibm, Hp, Microsoft e Fujitsu. E pensare che AWS è stato creato dall’infrastruttura di un online business retailer! Non c'è da stupirsi: le idee nuove, quelle che creano discontinuità di mercato, nascono spesso al di fuori dei contesti mainstream.

dsc-0949.jpg
Andy Jassy, vice president AWS, crede fermamente nell'evoluzione e progressiva affermazione del cloud. In una recente intervista rilasciata a AllThingsD) lo ha detto in modo molto chiaro:
We believe that, in the fullness of time, very few companies will own their own data centers and those that do will have much smaller footprints. The vast majority of computing is moving to the cloud. If that is your perspective, you build tools that allow companies to do what they currently do on premises, but make it simple to make the transition that will inevitably happen”.
Amazon dichiara di avere a catalogo più di 40 servizi, numero in continua e progressiva crescita.When we launched the platform – afferma Jassy - we had so few features, it was nothing like what we offer today. And that’s the challenge our competitors are facing as they enter the market now. They’re now where we were about four or five years ago”.
Carlos Conde, Sr. Manager, Solutions Architecture, intervenuto al summit milanese, ha affermato, citando dati IDC, che il TCO quinquennale di un’applicazione gestita su AWS è del 70% inferiore a quello on premise.

dsc-0952.jpg
Il cloud è per definizione un mercato senza frontiere. I vostri server, o meglio, il vostro servizio IT, può essere erogato da un qualsiasi data center around the world. Per l’Italia e per l’Europa i servizi AWS sono erogati dal gruppo di data center creati nell’area di Dublino, Irlanda, un posto fresco e accogliente (low taxes) dove erigere DC ad alta efficienza energetica.
In Italia il cloud provider ha già acquisito una serie di clienti. Tra le referenze citate nel corso dell’evento milanese, in cui per la prima volta in Italia si è presentata al pubblico, AWS annovera quelle di Lamborghini, Gucci, Unicredit, Vodafone e Seat Pagine Gialle così come alcune startup.
Il business italiano di AWS è alle prime battute, ma l’infrastruttura è a portata di un click. Amazon, come accade in tutti gli altri paesi europei, vuole ripetere il successo riscosso negli States. Non è un caso che all’evento di Milano gran parte dei partecipanti fossero studenti universitari, evangelizzare è un concetto chiave. Ed è in questo senso che va interpretato il canale online in lingua italiana dedicato a tutti coloro interessati a comprendere l’offerta AWS.
Il cloud è per definizione la risposta per tutti quei servizi che necessitano di un workload flessibile, in particolare nella dimensione del web hosting dove il traffico è per sua natura unpredictable e deve essere sostenuto da un’infrastruttura dinamica in grado di essere coerente con la volatilità della domanda. Ma inizia a essere un modello anche per il mercato enterprise tradizionale, vedi i servizi Sap, Business One e Hana, disponibili su piattaforma Amazon, così come i servizi di infrastruttura pura, di computing, di storage e di networking.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota