La sfida di HP per il networking del futuro

La sfida di HP per il networking del futuro

La strategia per avviare un percorso di trasformazione delle attuali infrastrutture di networking e permettere una gestione state of the art del data center

di: Piero Macrì del 25/09/2013 11:52

Cloud Computing
 
Server e storage hanno conosciuto negli anni un profonda rivisitazione tecnologica. La virtualizzazione ha definitivamente imposto una diversa impostazione architetturale. in grado di generare più efficienza, migliore operatività, riduzione generalizzata dei costi creando i presupposti per il passaggio a un IT as a service. “La dimensione poco o nulla contaminata dall’ondata di innovazione tecnologica del data center – afferma Mike Banic, vice president global marketing networking di HP - è stata quella del networking e questo costituisce un limite che deve essere superato".
Nell'opinione di Banic la corporate cloud, privata o pubblica, e la pressione cui è soggetta l’infrastruttura di networking in virtù di nuove applicazioni e servizi, determina una richiesta di elasticità nella gestione del traffico e una migliore risposta in termini prestazionali e di quality of service. "Il networking del mondo enteprise non appartiene più al mondo del client-server, aggiunge Banic. Le problematiche di gestione del workload e della differente allocazione di banda, prioritarizzazione del traffico e riduzione dei tempi di latenza, devono oggi essere risolte con una diversa concezione del networking". Quale? Quella che trae ispirazione dal Software Defined Networking, o SDN, un’architettura di networking che consente un disaccoppiamento logico-fisico tra il data layer e il control layer. Con SDN significa, in definitiva, risolvere la complessità attraverso la stessa logica di astrazione con cui è stata concepita l’evoluzione di server e storage. I driver all’affermazione di un nuovo modello di networking (Fonte ONF) sono quelli di fatto enunciati dall’Open Networking Foundation: 
  • Changing traffic patterns: Applications that commonly access geographically distributed databases and servers through public and private clouds require extremely flexible traffic management and access to bandwidth on demand.
  • The “consumerization of IT”: The Bring Your Own Device (BYOD) trend requires networks that are both flexible and secure.
  • The rise of cloud services: Users expect on-demand access to applications, infrastructure, and other IT resources.
  • “Big data” means more bandwidth: Handling today’s mega datasets requires massive parallel processing that is fueling a constant demand for additional capacity and any-to-any connectivity.
Hp, Ibm, Cisco, Brocade, VmWare, e una nuova generazione di aziende, si pensi a Big Switch, hanno fatto propria questa esigenza e stanno mettendo a punto la tecnologia che servirà a cambiare definitivamente l’assetto delle infrastrutture di rete. Un movimento che ha come punto di convergenza OpenFlow, il protocollo Open Source nato alla Stanford University, dal quale sono scaturite tutte le iniziative. 
A questo proposito è utile riportare la descrizione di SDN così come definita dall’Open Networking Foundation:

Software-Defined Networking (SDN) is an emerging architecture that is dynamic, manageable, cost-effective, and adaptable, making it ideal for the high-bandwidth, dynamic nature of today's applications. This architecture decouples the network control and forwarding functions enabling the network control to become directly programmable and the underlying infrastructure to be abstracted for applications and network services. The OpenFlow™ protocol is a foundational element for building SDN solutions. The SDN architecture is:
  • Directly programmable: Network control is directly programmable because it is decoupled from forwarding functions.
  • Agile: Abstracting control from forwarding lets administrators dynamically adjust network-wide traffic flow to meet changing needs.
  • Centrally managed: Network intelligence is (logically) centralized in software-based SDN controllers that maintain a global view of the network, which appears to applications and policy engines as a single, logical switch.
  • Programmatically configured: SDN lets network managers configure, manage, secure, and optimize network resources very quickly via dynamic, automated SDN programs, which they can write themselves because the programs do not depend on proprietary software.
  • Open standards-based and vendor-neutral: When implemented through open standards, SDN simplifies network design and operation because instructions are provided by SDN controllers instead of multiple, vendor-specific devices and protocols.
Mike Banic sottolinea il ruolo da protagonista che HP sta interpretando in questa dimensione tecnologica. “E’ un progetto evolutivo su cui stiamo lavorando dal 2008 e riteniamo di avere nei confronti delle altre aziende un vantaggio competitivo. L’intera architettura di rete deve essere programmabile e l’intera nostra proposta basata su OpenFlow va in questa direzione".
Ma non va dimenticato che la trasformazione del networking in un’ottica SDN obbliga a un rinnovamento dell’intero assett infrastrutturale: switch, router, le reti corporate così come quelle dei service provider dovranno fare posto a una nuova generazione di sistemi OpenFlow.
Per HP significa anche aprirsi un diverso modello di go to market ben enfatizzato dall’App Store in stile marketplace, previsto a partire dal 2014, in cui confluiranno tutta una serie di applicazioni sviluppate da HP o partner attraverso l’opportuno SDK, quest'ultimo disponibile il prossimo novembre. “Il nostro ruolo – dice Banic - sarà sia a livello software che hardware. OpenFlow è un open standard. L’agilità e l’automazione che riusciamo ad avere con soluzioni SDN sono elementi centrali per rendere disponibile un cloud network, privato o pubblico. È un importante pazzo per il delivery del completo stack tecnologico dell’IT as service”.
In definitiva, attorno all'SDN HP vuole creare un vero e proprio ecosistema collaborativo e il Developer Kit insieme all'App Store - conclude Banic - costituiscono il modo più efficace per dare ai clienti e ai partner l'opportunità di acquistare e installare i servizi di networking di nuova generazione.

Nel video che qui proponiamo un interessante contributo su OpenFlow e SDN da parte di Dan Pitt, executive directo dell'Open Networking Foundation.





Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota