TeamSystem, è l'alba di un nuovo giorno

TeamSystem, è l'alba di un nuovo giorno

A Riccione la nuova TeamSystem si presenta ai partner in veste rinnovata: un nuova identità di brand, funzionalità avanzate, interfacce utente semplici, accessibilità in modalità cloud e multidevice. Investiti oltre 20 milioni di euro per il...

di: Barbara Torresani del 15/03/2013 10:20

Cloud Computing
 
"Diamo forma al cambiamento" è il leit motiv della 34 edizione convention di TeamSystem in corso in questi giorni a Riccione. Un'edizione che funge da spartiacque tra quella che era la TeamSystem precedente e, quella che,  in continuità con la storia societaria, sarà la nuova TeamSystem.
"E' una convention speciale, perché mostra il percorso di evoluzione e trasformazione profonde fatte dal Gruppo; un vero cambiamento di sostanza che, a un anno di distanza dal lancio del progetto strategico di rinnovamento, punta a dare più forza e solidità al Gruppo, attraverso un'offerta evoluta e migliorata, investimenti, una nuova organizzazione,un nuovo modo di comunicare e un nuovo brand," dichiara l'amministratore delegato Federico Leproux.
federico-leproux.jpgI risultati del Gruppo sono il segno tangibile del un percorso intrapreso, che è passato dalla fase di transizione verso una realtà imprenditoriale, strutturandosi poi come organizzazione per crescere e arrivando oggi al consolidamento e a una posizione dominante di mercato.
Un percorso di crescita continua con una media del 14,4%. I ricavi consolidati del 2012 si sono attestati su un valore di 154 milioni, in crescita dell'8%, di cui circa l'85% reinvestiti per gestire ed espandere il business caratteristico (104 in costi correnti per l'esercizio del business, 7 destinati a nuovi investimenti, 10 per investimenti in acquisizioni) e il rimanente 15% per attività non caratteristiche. Sono 120.000 i clienti unici,  quasi 1.200 dipendenti, 650 var distribuiti sul territorio.
Leproux spiega così i risultati: "Abbiamo consolidato la posizione di leadership in termini di quota di mercato in un segmento in progressiva concentrazione. I piccoli operatori hanno sofferto a scapito dei grandi. Nel gruppo dei grandi TeamSystem è l'unico dei grandi che ha conquistato più quote di mercato – non a valore ma per numero di clienti - sia in ambito aziendale sia in quello dei professionisti a partire dal 2010". Risultati supportati sia per linee esterne – sono quattro le società acquisite nel corso del 2012, sia per linee interne, sfruttando le diversità delle aziende della società e migliorando il presidio sul territorio. "TeamSystem ha operato in un contesto non certo favorevole, a tratti drammatico, nel quale però è stata capace di continuare a crescere, distanziando i competitor, anche loro cresciuti. Ed ha performato meglio del mercato di riferimento" enfatizza Leproux.
La nuova TeamSystem, che vuole essere veloce, fluida e flessibile parte da ieri, nasce oggi e punta dritto al domani. "Non è il momento di fermarsi proprio ora; occorre costruire la piattaforma del futuro sui risultati conseguiti fino ad oggi."
Sono quattro i fattori alla base del cambiamento, spiegati da Leproux: il contesto di mercato difficile-  "Fare le cose come prima non basta più"; la discontinuità tecnologica - web, user experience, consumerizzazione, collaboration sono alcuni fenomeni che stanno prendendo sempre più piede sul mercato; l'evoluzione dei bisogni dei clienti sempre più sofisticati e consapevoli; il momento storico societario -"Di recente abbiamo conquistato la leadership; oggi dobbiamo rafforzarla per garantire un maggior vantaggio competivo ai clienti." Come detto quella di TeamSystem è una trasformazione pervasiva, che tocca il brand, i prodotti, la strategia di merge&acquisition, il programma di supporto ai Var e le iniziative di business.
Evoluzione e innovazione sono le linee guida relative ai prodotti. Per mantenere gli asset importanti legati al mondo del software gestionale e dei servizi la società ha lavorato in termini di aggiornamento costante e di completezza funzionale. E si è spinta oltre, mettendo in campo un investimento di circa 16 miloni in 5 anni (a cui si aggiungono 4 milioni in attività di marketing). La società ha lavorato sul framework di sviluppo per renderlo più efficace, efficiente e facile da gestire in termini di usabilità, funzionalità avanzate e aggiuntive, flessibilità, accessibilità dai dispositivi mobili e infrastrutura cloud...
E poi c'è il lavoro fatto sul brand. "Volevamo che la trasformazione fosse percepita dal mercato. Serviva coerenza non solo all'interno del Gruppo ma anche con i valori a cui TeamSystem è associata. Il nuovo brand è più autorevole e ordinato", dice Leproux.
Prosegue poi la strategia di merge&acquisition portata avanti dalla società finalizzata a portare in casa realtà e soluzioni di eccellenza a completamento dell'offerta esistente.
Quello di supporto ai Var è un progetto pilota, che punta all'evoluzione e al rafforzamento della relazione in essere. "Vogliamo metterci ancora più al servizio della rete per essere più efficaci".
Per ora il progetto (declinato nelle aree commerciale, tecnica e manageriale) coinvolge una ristretta cerchia di partner: 9 nel 2012 e 15 sono partiti nel 2013. "E' ancora presto per trarre conclusioni, ma i risultati sono incoraggianti. In media i Var che hanno aderito sono cresciuti del 10% contro l'1% dell'anno precedente".
A completamento di ciò, la società mette in campo anche una serie di nuove iniziative di business (per esempio l'innesto sull'offerta di alcuni add on) e ha ulteriormente potenziato e migliorato l'organizzazione con nuove figure, ha rafforzato la struttura di ricerca, aggiunto 57 risorse e attinto anche a competenze esterne. "Nel 2012 avevamo un disegno che oggi  si è trasformato in realtà. E' un processo di trasformazione che proseguirà nei prossimi anni. Le idee le abbiamo già; prenderanno forma anch'esse per assecondare il cambiamento", conclude Leproux.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota