OpenStack, lo standard emergente

OpenStack, lo standard emergente

Ibm renderà disponibili servizi e software in un’architettura open cloud basata su OpenStack, il progetto Infrastructure as a service rilasciato sotto licenza Apache e gestito dall’OpenStack Foundation cui aderiscono oltre 150 società, tra cui Hp...

di: Piero Macrì del 13/03/2013 10:00

Cloud Computing
 
L’interoperabilità tra i differenti servizi accessibili on demand si va prospettando come uno dei maggiori problemi dell’IT as a service considerato che nel medio e lungo periodo, come affermato più volte dagli analisti, si va verso uno scenario dove il sourcing dell'IT delle imprese sarà sempre più frammentato tra cloud eterogenei.
La possibilità, quindi, di avere un ambiente architetturale consistente tra le diverse cloud, pubbliche e private, assume una primaria importanza. E in questo contesto, come spesso ormai accade nel mondo del software, la trasversalità di un comune stack tecnologico, viene ricercata nel mondo open source. 
A testimonianza della volontà di perseguire questi obiettivi di standardizzazione è l’annuncio da parte di IBM di rendere disponibili servizi e software in un’architettura open cloud basata su OpenStack , un progetto Infrastructure as a service open source rilasciato sotto licenza Apache e gestito dall’OpenStack Foundation  cui aderiscono oltre 150 società, tra cui Hp e Dell.

openstack-cloud-software-vertical-large.png


Per le imprese la convergenza verso uno standard aperto significa poter procedere a investimenti con più tranquillità, senza correre il rischio della sindrome da vendor lock-in. Una volontà, quella espressa da Ibm, che dovrebbe garantire a tutti quei clienti che già oggi si appoggiano a infrastutture cloud di proseguire su un percorso evolutivo che possa trarre il massimo vantaggio da un ambiente ibrido pubblico-privato.
Che l’apertura verso l’open source sia una mossa tattica piuttosto che strategica è tutto da dimostrare. Eppure i precedenti lasciano supporre che Ibm ci creda veramente. Basti pensare a quanto accaduto con Linux, diventato oggi una componente di sistema operativo pienamente integrata all’interno dell’hardware Ibm.
Insomma, il cloud, a detta di molti osservatori, deve riuscire nel tempo a esprimere una progressiva standardizzazione, poiché la frammentazione tra architetture proprietarie è un ostacolo alla sua evoluzione complessiva
In assenza di standard il cloud è destinato a essere sempre più complesso e non sufficientemente flessibile e coerente per dare modo ai clienti di attuare investimenti volti a configurare un ambiente ibrido pubblico-privato.
In questo scenario OpenStack viene riconosciuto come il sistema operativo per il cloud su cui il maggior numero di operatori e provider sta convergendo. Ma ovviamente la scelta di privilegiare un software open source è implicitamente connessa a una battaglia tra i vari player del settore. Dalla scelta OpenStack divergono infatti aziende come Amazon e Vmware che, al momento, hanno tutto l’interesse nel mantenere in essere un percorso alternativo.                                                                                                                            
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota