IoT e Analytics, Avanade supporta Williams Martini Racing

IoT e Analytics, Avanade supporta Williams Martini Racing

Come interpretare i dati biometrici al fine di analizzare criticamente ogni aspetto delle prestazioni ai pit-stop e mantenere un vantaggio competitivo

di: Redazione del 14/12/2016 17:31

Big Data & Analytics
 
Avanade supporta Williams Martini Racing nell’interpretare i dati biometrici al fine di analizzare criticamente ogni aspetto delle prestazioni ai pit-stop e mantenere un vantaggio competitivo nei confronti delle altre squadre di Formula Uno.

Il lavoro sulla biometrica con la Williams è un esempio di come Avanade stia aiutando le aziende a sviluppare un ecosistema IoT (Internet of Things) connesso, al fine di massimizzare il valore, combinando tecnologie operative IoT con informazioni di business.   
 bicust7iiaa5rfv.jpg-large.jpg
“Con la proliferazione di dispositivi, l’efficienza del cloud e della potenza di elaborazione dei digital analytics - affermano in Avanade -  la capacità di traduzione di grandi quantità di dati disparati in informazioni strategiche, che possono migliorare la produttività, è diventata molto più realizzabile per una vasta gamma di organizzazioni”.

Informazioni in tempo reale dei singoli membri del team vengono registrate e caricate in un database su Microsoft Azure. Set di dati multipli vengono quindi elaborati utilizzando la tecnologia di visualizzazione dati Microsoft Power BI e visualizzati attraverso Avanade Biometrics Analytics Dashboard.
 
Lo Human Performance Specialist della squadra utilizzerà il cruscotto per accedere alle informazioni raccolte nel corso della stagione e comprendere meglio le aree che necessitano un miglioramento, al fine di ottimizzare in modo consistente i tempi ai pit stop. Ad esempio, l'analisi dei dati raccolti dai bio-cablaggi fornirà una migliore comprensione della fisiologia che sta dietro al 'perfetto pit stop'. Ulteriori analisi cercheranno di definire se le informazioni dai dati biometrici sono in grado di dare maggiori specifiche in merito agli obiettivi di training individuali.  
 
“Lavorare con Avanade ci consentirà di continuare a spingere oltre le potenzialità del pit stop e ci aiuterà a utilizzare i flussi di dati aggiuntivi così da rimanere un passo avanti ai nostri rivali”, afferma Gemma Fisher, Human Performance Specialist di Williams Martini Racing. “Ottimizzando le performance del nostro team ai box ci proponiamo di ottenere tempi di pit-stop sempre più veloci nel 2017 per sostenere Valtteri e Lance nell’ottenere un rendimento di successo in pista".

“Siamo entusiasti che, utilizzando la tecnologia Microsoft per raccogliere ed analizzare i dati biometrici, Williams Martini Racing sarà in grado di ottimizzare ulteriormente i suoi pit stop nel 2017", ha aggiunto Chris Miller, global CTIO di Avanade. "Acquisendo una profonda comprensione degli elementi complessi di un pit stop di F1, il team sarà in grado di migliorare le prestazioni individuali per raggiungere un importante traguardo competitivo”.  



Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua