Big data, materia per le grandi imprese

Big data, materia per le grandi imprese

Il mercato mondiale raggiungerà, secondo Idc, un valore di oltre 200 miliardi di dollari nel 2020. Le aziende con oltre 500 collaboratori peseranno per tre quarti della cifra.

di: Redazione ImpresaCity del 06/10/2016 11:57

Big Data & Analytics
 
Il futuro del mercato Big Data appare florido. In base alle ultime stime di Idc, le vendite di strumenti e soluzioni per le analisi di grandi volumi di dati cresceranno mediamente l’11,7% all’anno fino al 2020, quando rappresenteranno un volume d’affari di 203 miliardi di dollari, contro i 130,1 di quest’anno.
Industria manifatturiera, banche, Pubbliche Amministrazioni centrali e servizi professionali sono i segmenti destinati a pesare maggiormente su questo andamento previsto. Già oggi rappresentano il 50% degli investimenti, con le banche a fare la parte del leone (17 miliardi di dollari nel 2016). Anche telecomunicazioni, trasporti, assicurazioni e utilities reciteranno una parte non trascurabile.
Per il momento, il comparto Big Data resta affare soprattutto per le grandi imprese. Le realtà con oltre 500 collaboratori, infatti, assorbiranno i tre quarti degli investimenti nel 2020 (154 miliardi di dollari). Dal punto di vista tecnologico, invece, le spese si indirizzeranno soprattutto verso i servizi e il software. Nel primo caso, la crescita media annua sarà del 14,9% per i prossimi quattro anni, mentre il software genererà 60 miliardi di dollari nel 2020, grazie soprattutto alle vendite di strumenti di visualizzaione, gestione di data warehouse e analisi.
Gli Stati Uniti rappresenteranno da soli circa la metà del mercato mondiale Big Data nel 2020, mentre l’Europa sarà la seconda regione.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota