SAP HANA in pit box con McLaren

SAP HANA in pit box con McLaren

La partnership con McLaren è la condizione ideale per valorizzare tutte le opportunità che possono scaturire dall’utilizzo della piattaforma HANA

di: Piemme del 05/09/2014 15:17

Big Data & Analytics
 
Data Analysis in real time? Quale migliore scenario per mettere alla prova una nuova frontiera tecnologica se non quello di Formula Uno? Ne sa qualcosa Sap, che nella storica partnership con il team McLaren trova una condizione ideale per valorizzare tutte le opportunità che possono scaturire dall’utilizzo della piattaforma HANA.
Per Crispin Bolt, partner manager del di McLaren, incontrato all’autodromo di Monza in occasione del Gran Premio, la nuova tecnologia di SAP è quanto di più coerente con il percorso che il gruppo inglese ha intrapreso ormai da molti anni. "E’ la conseguenza logica, dice Bolt, di un lavoro che è stato portato avanti incessantemente negli ultimi anni e che ha l’obiettivo di tradurre nel migliore dei modi possibili, il volume di dati che possono essere oggi acquisiti in una manifestazione sportiva come la Formula Uno". "L’analisi dei dati è diventato un’attività imprescindibile per riuscire a ottenere risultati di rilievo, sarebbe impossibile, continua Bolt, operare in questo ambiente in assenza di un contributo e una conoscenza così importanti”.

2014-chinese-grand-prix-023.jpg
Ciascuna delle due macchine monta circa 200 sensori che inviano un volume di dati, tra giornate di prove e gara effettiva, pari a 10 GB. Il che vuol dire riuscire compiere analisi complessive per 20GB, dati che possono poi essere associati a dati storici, per compiere simulazioni e individuare la miglior strategia di gara tra le possibili ipotizzate a seconda di quanto sta avvenendo in quel momento. Ma se da una parte esiste tutta l’attività on race, dall’altra esiste tutta l’attività che serve a mettere insieme una eterogeneità di dati, interni ed esterni, fornendo, per esempio su base storica, le singole associazioni con le performance registrate negli anni sui differenti circuiti; mettere a punto una conoscenza che può essere il presupposto per decisioni inerenti il miglioramento dell’auto con effetti sul comparto produttivo.
La tecnologia Sap è un elemento che permea l’intera attività di McLaren con ricadute importanti in termini di supply chain, individuazione e pianificazione dei materiali. L’analisi risulta essere la costante e il collante di ogni attività del team, dentro e fuori dal pit box. “Siamo convinti che con Sap riusciremo a mettere a punto un sistema sempre più valido e coerente con le esigenze di un business come Formula Uno, dice Bolt. Vi sono tutti presupposti perché si compia un ulteriore salto di qualità verso una approfondita analisi dei dati acquisendo le competenze per sfruttare le potenzialità real time della piattaforma”.
Sam Michael, ingegnere McLaren Mercedes, è convinto che la tecnologia apra le porte a opportunità una volta impensabili. “Va detto, però, aggiunge Michael, che se da un lato la tecnologia è in grado di elaborare grandi quantità di dati fornendo molteplici possibilità in merito allo spettro di analisi possibili, un fattore di assoluta criticità rimane quello organizzativo. Credo che la Formula Uno sia una delle attività sportive più stressanti, nel quale il ruolo del pilota, dei tecnici e dei meccanici viene messo alla prova minuto per minuto, secondo per secondo. Dalle loro decisioni dipende il buon andamento dell’evento. E’ quindi per noi fondamentale tenere in considerazione che le decisioni, in base all’evidenza dei dati acquisiti, possano essere prese nel migliore dei modi, senza che la tensione emotiva impattare negativamente sullo svolgimento della gara. Ecco, quindi, che è importante ed essenziale ripartire l’attività di monitoraggio e analisi dei dati su più gruppi, ciascuno focalizzato su specifiche competenze e task. Un gioco di squadra – conclude Michael - su cui far convergere molteplici esperienze per assicurare che ciascuna di essere possa contribuire a raggiungere le migliori performance”.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota