Cisco, la rilevanza del network in progetti Big Data

Cisco, la rilevanza del network in progetti Big Data

Cisco Connected World Technology Report: il 60% degli intervistati concorda nell'affermare che i Big Data contribuiranno a migliorare il processo decisionale e la competitività

di: PM del 28/03/2013 13:30

Big Data & Analytics
 
Sono 1.800 i professionisti IT di 18 paesi intervistati da Cisco attraverso l'iniziativa Cisco Connected World Technology Report (CCWTR) per comprendere quanto le organizzazioni IT siano in grado di tradurre in vantaggi concreti le potenzialità e il valore strategico derivante dall’attuazione di progetti Big Data. I risultati della ricerca sono stati sintetizzati in un'efficace infografica.
Se da una parte la infographic-big-data.jpgmaggior parte delle aziende raccoglie, memorizza e analizza i dati, lo studio rivela che molte di esse sono alle prese con problematiche sia di business che IT legate ai Big Data. Ad esempio, mentre il 60% degli intervistati concorda che i Big Data contribuiranno a migliorare il processo decisionale e la competitività, solo il 28% dichiara di generare valore strategico dai propri dati.
I fattori di criticità, evidenziati da un 27% del campione oggetto dell’indagine, sono rappresentati dalla sicurezza e dalla gestione del rischio in quanto questo tipo di progetti implicano problematiche legate a una molteplicità di modalità di accesso a volumi di dati eterogenei così come a una sostenibilità economica degli investimenti. Complessivamente la nuova frontiera dell’analisi dei dati viene considerata un’opportunità e si afferma che la spesa IT verrà progressivamente influenzata da progetti riferibili al Big Data. L’80% ritiene inoltre che una rilevante parte di questi investimenti saranno associati ad architetture cloud.
Chi sarà il driver dei progetti all’interno delle organizzazioni? Sebbene la maggioranza (73%) ritenga che essi saranno prevalentemente riconducibili a figure dell’IT, si evidenzia anche una progressiva compartecipazione di altre line of business, in particolare Finance, Operation e Marketing.
La ricerca mette in luce come l’attuazione di progetti Big Data tenderà sempre più ad associare tipologie di dati che vengono generati in real time da dispositivi e sensori di vario genere, un fenomeno nei confronti del quale Cisco ha coniato il termine Data in Motion, in generale ascrivibile a una comunicazione-interazione machine-to-machine.
A questo proposito Cisco rileva come, in conseguenza delle nuove tipologie di dati analizzati in contesti M2M, la rete possa avere un ruolo essenziale nel determinare informazioni riguardo a identità e presenza e, in generale, alla realizzazione di ambienti con un alto livello di protezione.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota