Big Data, Ibm al primo posto

Big Data, Ibm al primo posto

La classifica delle 60 aziende che offrono hardware, software e servizi per il mercato emergente dell'analisi dei dati, mercato che ha generato nel corso del 2012 11,4 miliardi di dollari e che si stima possa crescere nei prossimi 5 anni a un...

di: Piero Macrì del 06/03/2013 13:31

Big Data & Analytics
 
Wikibon, una comunità di consulenti nata con l’obiettivo di condividere informazioni in una logica open source, ha reso disponibile un interessante rapporto sul mercato Big Data che raccoglie informazioni sul volume di fatturato globale generato dalle componenti hardware, software e servizi nel corso del 2012 e le prospettive di sviluppo nel quinquennio 2012-2017.
I dati confermano che la nuova emergente dimensione del Big Data è destinata ad aumentare in modo significativo nel corso dei prossimi anni, un fenomeno che viene confortato dagli  eccellenti risultati ottenuti nel corso del 2012. Il volume globale degli investimenti ha generato ricavi complessivi per 11,4 miliardi di dollari, con una crescita rispetto al 2011 del 61%. Nel quinquennio si prevede che questa cifra possa conoscere un incremento medio annuo del 31% per raggiungere, nel 2017, i 47 miliardi di dollari. Big Data, Big Business, quindi.
Quali sono i fattori che hanno condizionato positivamente la crescita nel corso dell’ultimo anno? Secondo quanto afferma Wikibon i motivi sono molteplici. Da una parte quello che potremmo definire come lo sdoganamento del Big Data, ovvero la consapevolezza che essa non rappresenti una tecnologia assimilabile soltanto alle web companies, ma una risorsa i cui benefici possono essere estesi ad altri settori di industry come il finance, il farmaceutico e la grande distribuzione. Non meno importanti, in termini di incentivo all’adozione del Big Data, sono stati i progressi ottenuti sul versante tecnologico dove si ravvisa un consolidamento dell’ambiente Hadoop, database NoSQL, motori analitici di tipo in-memory e database analitici in grado di sfruttare il calcolo a elevato parallelismo.
Il 2012 viene visto come uno spartiacque tra la fase pioneristica ed elitaria del Big Data, i cui protagonisti vengono identificati nelle big internet companies, e una fase di maggiore popolarità e diffusione che vede la tecnologia trasversale a molte organizzazioni. Tuttavia, avverte Wikibon, affinché le aziende possano acquisire i vantaggi che sono impliciti nella nuova logica di analisi dei dati, vi sono una serie di debolezze che devono essere rapidamente superate. Tra queste vi è innanzitutto la mancanza di figure specializzate, di analisti e data scientist, in grado di individuare modalità attraverso le quali analizzare dati multistrutturati così come la capacità di creare all’interno delle organizzazioni gruppi di lavoro in grado di identificare i requisiti di business in relazione a progetti Big.
Il rapporto contiene inoltre la lista di 60 aziende i cui ricavi possono essere assimilati in termini di hardware, software e servizi  al Big Data. Tra queste, sia aziende pure player, nate sull’onda delle nuove emergenti tecnologie dell’analisi dei dati, sia global vendor che hanno metabolizzato il Big Data nel proprio portafoglio di offerta. Dall’analisi delle performance di queste ultime si evince che la componente Big Data genera ancora un valore di fatturato del tutto trascurabile rispetto ai ricavi complessivi. Stiamo parlando, sia per Hp che per Ibm così come per Oracle e Sap, di percentuali  che oscillano tra l’1% e il 2%%. E rispetto ai ricavi complessivi delle 60 aziende che contribusicono al mercato Big Data, solo l'1% è ascrivibile a questa tipologia di offerta.
Il valore di ricavi Big  più elevato è per il momento quello di Ibm che da sola intercetta più del 10% della spesa globale del 2012:  nel corso dello scorso anno il fatturato  è stato, infatti, pari a 1,3 miliardi di ollari, il doppio di quello generato da HP, 664 milioni di dollari. 
Chi sono, infine, a oggi, oltre alle già citate Ibm, Hp e Oracle, aziende che riescono a monetizzare al meglio il nuovo mercato? Nella classifica di Wikibon compaiono i nomi di Teradata, Dell, Sap, Emc, Cisco, Microsoft, Accenture e Sas. Ma altrettanto significativa è la presenza di un numero significativo di pure player, ovvero le aziende il cui fatturato è 100% Big Data. Tra queste la più performante è Splunk che vanta un fatturato di 186 milioni di dollari, seguita da Opera Solutions (118 milioni), Mu Sigma (114 milioni), Palantir (78 milioni) e Cloudera (61 milioni).   
Vendor Big Data Revenue Total Revenue Big Data Revenue as % of Total Revenue % Big Data Hardware Revenue % Big Data Software Revenue % Big Data Services Revenue
IBM $1,352 $103,930 1% 22% 33% 44%
HP $664 $119,895 1% 34% 29% 38%
Teradata $435 $2,665 16% 31% 28% 41%
Dell $425 $59,878 1% 83% 0% 17%
Oracle $415 $39,463 1% 25% 34% 41%
SAP $368 $21,707 2% 0% 67% 33%
EMC $336 $23,570 1% 24% 36% 39%
Cisco Systems $214 $47,983 0% 80% 0% 20%
Microsoft $196 $$71,474 0% 0% 67% 33%
Accenture $194 $29,770 1% 0% 0% 100%
Fusion-io $190 $439 43% 71% 0% 29%
PwC $189 $31,500 1% 0% 0% 100%
SAS Institute $187 $2,954 6% 0% 59% 41%
Splunk $186 $186 100% 0% 71% 29%
Deloitte $173 $31,300 1% 0% 0% 100%
Amazon $170 $56,825 0% 0% 0% 100%
NetApp $138 $6,454 2% 77% 0% 23%
Hitachi $130 $112,318 0% 0% 0% 100%
Opera Solutions $118 $118 100% 0% 0% 100%
Mu Sigma $114 $114 100% 0% 0% 100%
TCS $82 $$10,170 1% 0% 0% 100%
Palantir $78 $78 100% 0% 63% 38%
Intel $76 $53,341 0% 83% 0% 17%
MarkLogic $69 $78 88% 0% 63% 38%
Booz Allen Hamilton $68 $5,802 1% 0% 0% 100%
Cloudera $61 $61 100% 0% 47% 53%
Actian $46 $46 100% 0% 63% 38%
SGI $43 $769 6% 83% 0% 17%
Capgemini $42 $14,020 0% 0% 0% 100%
1010data $37 $37 100% 0% 0% 100%
10gen $36 $36 100% 0% 42% 58%
Google $36 $50,175 0% 0% 0% 100%
Alteryx $36 $36 100% 0% 55% 45%
Guavus $35 $35 100% 0% 67% 33%
VMware $32 $3,676 1% 0% 71% 29%
ParAccel $24 $24 100% 0% 44% 56%
TIBCO Software $24 $1,024 2% 0% 53% 47%
MapR $23 $23 100% 0% 51% 49%
Attivio $21 $26 80% 0% 62% 38%
Fractal Analytics $20 $20 100% 0% 0% 100%
Pervasive Software $19 $51 37% 0% 59% 41%
Hortonworks $18 $18 100% 0% 0% 100%
Informatica $17 $812 2% 0% 78% 22%
QlikTech $16 $321 5% 0% 74% 26%
DataStax $15 $15 100% 0% 59% 41%
Basho $14 $14 100% 0% 63% 38%
Microstrategy $13 $595 2% 0% 59% 41%
Tableau Software $13 $130 10% 0% 59% 41%
Couchbase $12 $12 $100% 0% 64% 36%
Kognitio $12 $12 100% 0% 47% 53%
Datameer $11 $11 100% 0% 79% 21%
Rackspace $11 $1,300 1% 0% 0% 100%
LucidWorks $10 $10 100% 0% 58% 42%
Digital Reasoning $10 $10 100% 0% 51% 49%
Aerospike $8.8 $8.8 100% 0% 80% 20%
Neo Technology $8.5 $8.5 100% 0% 62% 38%
Think Big Analytics $7.9 $7.9 100% 0% 0% 100%
Calpont $7.6 $7.6 100% 0% 59% 41%
RainStor $7.5 $7.5 100% 0% 67% 33%
SiSense $7.3 $7.3 100% 0% 41% 59%
Revolution Analytics $7.2 $13 56% 0% 56% 44%
Talend $6.2 $51 12% 0% 80% 20%
Jaspersoft $6.2 $31 20% 0% 62% 38%
Juniper Networks $6.1 $4,365 0% 71% 0% 29%
Pentaho $6.1 $31 19% 0% 62% 38%
DDN $5.9 $278 2% 63% 0% 38%
Actuate $4.6 $137 3% 0% 63% 37%
Original Device Manufacturers $2,375 $100,000 2% 100% 0% 0%
Other $1,593 $197,170 1% 29% 22% 49%
Total $11,448 $1,223,373 1% 40% 21% 39%
Tag notizia:

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota