Udine: bando reti d’impresa per l’internazionalizzazione

Udine: bando reti d’impresa per l’internazionalizzazione

Ciascuna rete riceverà un contributo in base alle spese previste dal suo progetto e comunque per un massimo di 40 mila euro a rete.

di: Redazione ImpresaCity del 04/08/2014 09:10

Bandi
 
Sette reti d’impresa che raggruppano in tutto ben 80 aziende friulane hanno presentato progetti di internazionalizzazione ritenuti ammissibili al contributo previsto dal Bando della Camera di Commercio di Udine, la cui istruttoria si è conclusa formalmente ieri con l’avvallo da parte della giunta camerale.
Ciascuna rete riceverà un contributo in base alle spese previste dal suo progetto e comunque per un massimo di 40 mila euro a rete, fino alla copertura del plafond messo a disposizione dalla Cciaa, che è di 200 mila euro.
Le imprese appartengono a settori produttivi diversi: vi sono reti che coinvolgono imprese artigiane dell’arredo-contract e dell’architettura pronte a promuovere la loro attività in Austria, Baviera e Croazia, ci sono aziende dell’Ict, della comunicazione turistica e della ricettività unite per promuovere le imprese aderenti tra gli operatori alberghieri e turistici della costa orientale dell’Adriatico, dalla Croazia, al Montenegro, all’Albania.
Ci sono reti di imprese dell’industria meccanica che guardano come mercato di sbocco per la crescita il bacino austriaco e ci sono poi progetti che uniscono imprese delle costruzioni e del restauro, o ancora reti d’agenzie immobiliari per coinvolgere clientela del mercato russo. Ci sono infine gruppi di aziende del distretto della sedia e dell’arredo, insieme per “conquistare” chi il promettente mercato dell’Arabia Saudita chi quello inglese.
«Le nostre imprese stanno capendo sempre più l’importanza del lavoro di squadra e di rete per presentarsi con maggiore competitività e servizi più completi e articolati sui mercati esteri. Strumento utilissimo per superare la crisi, la rete è anche un’ottima opportunità di fare massa critica per le nostre realtà imprenditoriali, per oltre il 95% piccole o micro imprese, per cui è dunque più complesso aprirsi da sole la strada dell’internazionalizzazione», ha commentato il presidente camerale Giovanni Da Pozzo, ricordando anche i dati più recenti sulle aggregazioni aziendali in Fvg, che hanno trovato un buon trampolino di lancio e sviluppo nella forma del contratto di rete, anche se tuttora i numeri non sono ancora elevatissimi. In ogni caso, in Italia, al 1° luglio 2014, erano 1.643 i contratti di rete registrati, per 8.095 imprese coinvolte. In Fvg le imprese coinvolte in contratti di rete sono 165.
Utili informazioni sui contratti di rete sono sintetizzate nel servizio web delle Camere di Commercio http://contrattidirete.registroimprese.it.
Tag notizia:

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota