Logo ImpresaCity.it

Il Cloud dinamico di 1&1

Con un'infrastruttura di data center ridondanti, l'azienda tedesca garantisce sicurezza e prestazioni per le Pmi italiane che vogliono un servizio di cloud dinamico efficace ma a costi contenuti.

Autore: Redazione ImpresaCity

Un tedesco che conquista il mondo. Questo potrebbe essere il biglietto da visita di 1&1 Internet AG, sussidiaria di United Internet AG, oggi principale provider di web hosting a livello mondiale che in pochi anni ha saputo fare business nel mondo Internet in modo innovativo, con costi contenuti per gli utenti, e che oggi è una realtà da circa 2,4 miliardi di euro di fatturato e può contare 1-1a.jpgsu uno staff complessivo  di 6300 dipendenti.
Come accennato il modello di business di Web hosting pensato da 1&1 si appoggia a una struttura che può contare su oltre 70.000 server ad alto rendimento - in grado di gestire oltre 19 milioni di domini - che sono in grado di processare mensilmente oltre 5 miliardi di email al mese, gestire un volume di traffico mensile da 9,000 TeraByte, e può contare su un alto livello di produttività e sicurezza grazie a diversi data center ridondanti (in grado di entrare in gioco con un tempo inferiore al paio di minuti, rendendo quasi nulla qualsiasi problematica per l'utente) di cui uno realizzato in Germania.161d.jpg1&1 Internet nasce nel 1988 e ha saputo in pochi anni conquistare posizioni di primato nel suo specifico segmento di business: prima in Germania, in UK e Spagna, seconda in Francia e - dato da tenere ben presente - quarta negli Stati Uniti.
La società ha una importante base clienti - può contare su oltre 43 milioni di contratti - ed è attualmente presente non solo in Germania ma anche in Francia, UK, Austria, Spagna, Italia, Polonia, 1-1b.jpgRomania, USA, Canada e Messico.
Recentemente ha annunciato l'entrata "strutturata" nel mercato italiano con un'offerta cloud specifica per le piccole e medie imprese e un riferimento italiano (Gianluca Stamerra, Market Manager Italy).

[tit:Corteggiare le Pmi italiane]
Dopo il successo ottenuto con il lancio di 1&1 MyWebsite soluzione per la creazione di siti web professionali, l'azienda tedesca porta anche in Italia un nuovo portfolio prodotti studiato per soddisfare le esigenze di visibilità online delle piccole e medie realta italiane.
La novità si chiama Dynamic Cloud Server, una nuova tecnologia server di cloud dinamico che si basa su un ambiente server che è configurabile con pochi clic dalla console web. Permette anche 161c.jpgdi selezionare in fase di configurazione il tipo di server - tipo di processore - ma anche il sistema operativo, Linux o Windows oppure il supporto di entrambi i sistemi operativi.
Il costo di accesso è di 19,99 euro al mese (+IVA) ed include 1 core del processore, 1 GB di RAM e 100 GB di spazio hard disk. Ciascun core aggiuntivo o GB di RAm e ogni 100 GB di spazio hard disck ha un costo addizionale  di 1 centesimo l’ora.
L'offerta, che può considerarsi una sorta di Cloud dinamico, offre un ambiente server virtuale con accesso root completo. Le impostazioni di base di ogni singola macchina possono essere modificate in tempo reale. Secondo l'azienda l’offerta può rappresentare una soluzione interessante, in particolare, per quelle aziende dove esiste la necessità di gestire cambiamenti frequenti o per le start-up che non sono in grado di valutare con precisione la potenza di calcolo di cui possono avere bisogno. 
“Disporre di una capacità virtuale on demand semplifica il processo di acquisizione di potenza elaborativa richiesto su server tradizionali. Nel caso di una campagna promozionale, o una particolare attività online, che attragga sul sito  un numero di visitatori superiore alla media, è possibile in pochi minuti portare la potenza di calcolo fino a 6 core, 24 GB di RAM e 800 GB di spazio hard disk”, precisa lo staff tecnico dell'azienda.
Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito italiano a questo link.


Pubblicato il: 30/04/2013

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione